>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsCercamostra di piùMenuTwitterUtenteWhatsAppClose
  • Accedi
News

Una sirena a Milano

Abbiamo passato una intera giornata a bordo di un'ambulanza per vedere quali sono le difficoltà di fare il lavoro di primo soccorso in una grande città come Milano. Con la collaborazione dell'associazione Croce verde apm, una delle più vecchie associazioni anpas convenzionate con il 118, abbiamo vissuto una giornata intera con due equipaggi di soccorritori dipendenti dell'associazione. La nostra giornata comincia con loro. La mattinata scorre abbastanza tranquillamente. Vengono svolti solo due interventi in regime di codice giallo, con sirene e lampeggianti accesi, e non incontriamo grandi difficoltà nel muoverci, complice una giornata con poco traffico. Verso le 13 il mezzo di soccorso rientra in sede, e avviene il cambio dell’equipaggio. Tutti i soccorritori che lavorano nelle ore diurne sono dipendenti dell’associazione che hanno iniziato la loro carriera come volontari. Quella dei volontari è una risorsa molto preziosa per le anpas; permette di fare crescere professionalmente la categoria dei soccorritori, e permette alle associazioni di sopravvivere economicamente. I soccorritori devono affrontare diversi problemi quando sono in giro per la strada; primo tra tutti, l’inciviltà.

Anche quando non sono in strada, i soccorritori devono affrontare problemi che li riguardano: il fatto che non esista una categoria professionale che li inquadra, non garantisce una tutela completa. Ma questo non ferma la passione per il lavoro e un semplice grazie può bastare per dare tanta soddisfazione.

Giulio Golia ha incontrato la figlia di Totò Riina, che parla senza rete delle cialde "Zu Totò", ma soprattutto racconta dettagli inediti delle stragi e della latitanza del padre

Selfie estremi

Caso David Rossi

Le tappe della nostra inchiesta

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.