>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsCercamostra di piùMenuTwitterUtenteWhatsAppClose
  • Accedi
News

Pubblicità fantasma a Miss Italia?

Il capostruttura Rai Paolo De Andreis risponde su Miss Italia e prende un impegno con le Iene.
"Il prossimo anno non permetteremo che i parrucchieri paghino... e li contrattualizzeremo noi...".

In seguito al servizio "Pubblicità fantasma a Miss Italia?" trasmesso durante la prima puntata delle Iene, l'associazione Altroconsumo ha presentato un esposto all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e all'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. Al centro della vicenda il video del back stage dei parrucchieri di Miss Italia che, secondo la segnalazione arrivata alle Iene, pagherebbero migliaia di euro per il vantaggio promozionale di apparire nel video Rai. Saranno le autorità competenti a stabilire se tutto è norma di legge.
Il capostruttura Rai Paolo De Andreis durante Miss Italia si era impegnato con la iena Filippo Roma ad aprire un indagine in merito. A venti giorni di distanza, non essendo ancora arrivata una risposta ufficiale dalla Rai, la iena Filippo Roma è tornata ad intervistare Paolo De Andreis.

L'intervista a Paolo De Andreis

Filippo Roma: Sono venti giorni che aspettiamo una risposta sui parrucchieri…
Paolo De Andreis: "Ma davvero? Quello che noi ignoravamo è che i parrucchieri pagavano. Questo per me è stata una grossa sorpresa."

Filippo Roma: Perché una volta che gliel’abbiamo detto la Rai non è intervenuta e i video sono andati in onda senza modifiche?
Paolo De Andreis: "La Rai non aveva i tempi tecnici per intervenire. Questo è all'accertamento degli uffici competenti della Rai. Quindi ci daranno istruzioni in merito."

Filippo Roma: Se è confermato che i parrucchieri pagano e che a fronte di questo pagamento ottengono un vantaggio promozionale, cosa succederà il prossimo anno?
Paolo De Andreis: "Al di là di questo… il prossimo anno non permetteremo che i parrucchieri paghino. Se questo viene accertato dalle nostre carte, contrattualizzeremo noi i parrucchieri ma è chiaro che noi non permetteremo che chiunque sia faccia pagare i parrucchieri."

Filippo Roma: Riassumendo, se è vero che i parrucchieri pagano, dal prossimo anno verranno assunti dalla Rai e verranno pagati?
Paolo De Andreis: "Non c’è dubbio."

Filippo Roma: Parrucchieri, finalmente tutta questa fatica sarà compensata.
Paolo De Andreis: "Grazie alle Iene!"

Siamo andati in diversi centri estetici di Milano per verificare l’igiene. Quello che abbiamo visto è davvero raccapricciante

Bitcoin

M5S

Conte

Anticipazione

Le nostre Iene Corti e Onnis stanno cercando di fargli siglare la pace con il “nemico” Mourinho

In Tribunale

I servizi su Paola Catanzaro

Rassegna Stampa

La storia

L'Intervista

Nadia Toffa

Dopo l'annuncio di Nadia Toffa

In aula

Violenza su animali

Palermo

Firenze

Esclusiva web

“La tramvia sarà pronta entro il 14 febbraio 2018, scommetto una cena con i fiorentini”. Il sindaco di Firenze ci ha mandato due foto sul filo di lana

Roma

Violenza sulle donne

I nostri servizi

L'intervista

napoli

I nostri servizi sulle baby gang a Napoli

L'intervista

L'intervista

L'intervista

Firenze

La storia

Esclusiva web

Mario Bartoli voleva risentire, vent’anni dopo, “quel magico battito” nel petto di chi ha ricevuto la donazione dopo la morte del suo Christian, a 17 anni. L’abbiamo seguito e aiutato, oggi ci ha chiamato

Donazione organi

Verso il processo

Dopo il nostro servizio

Dopo il servizio della nostra Iena Nina Palmieri, dagli atti emerge un particolare inquietante. Una sfida, in clinica, davanti all'uomo che, dopo il pestaggio, da un anno e mezzo è in stato vegetativo

Le inchieste

Le tappe dell'inchiesta

L'intervista

La querela

Diario di bordo

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.