>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsCercamostra di piùMenuTwitterUtenteWhatsAppClose
News

L'inchiesta delle Iene su presunti abusi sessuali in Vaticano fa il giro del mondo

In questi giorni, le principali testate internazionali hanno dedicato numerosi articoli al servizio di Gaetano Pecoraro, seguendo gli sviluppi della vicenda

L’inchiesta di Gaetano Pecoraro su presunti abusi sessuali nel Preseminario S. Pio X in Vaticano fa il giro del mondo. In questi giorni, le principali testate estere hanno dedicato numerosi articoli alla vicenda, seguendone gli sviluppi. L’intervista rilasciata da Pecoraro alla maggiore agenzia di stampa internazionale, l’Associated Press, è stata ripresa da diverse testate internazionali, tra cui New York Times, Washington Post, FOX News e ABC News. Le testate riportano inoltre che i "funzionari cattolici hanno minacciato gli ex-chierichetti del Papa con una accusa di diffamazione per ciò che hanno pubblicamente dichiarato". Il riferimento è appunto alle accuse di molestie che alcuni ex-chierichetti hanno mosso verso un seminarista, oggi diventato prete.
La maggior parte degli articoli, tra cui quello del Washington Post, evidenziano come la risposta da parte della Diocesi di Como, che aveva mandato alla nostra trasmissione una diffida a mandare in onda il servizio, sia indicativa di come le accuse abbiano toccato un tasto dolente in Vaticano e nella Chiesa italiana.

"Hanno abusato di me in Vaticano"

Scandalo in Vaticano: nuove testimonianze

Suicidio Assistito

Caso David Rossi

La polizia scientifica, con i vigili del fuoco, ha fatto nuove ispezioni nel vicolo Monte Pio a Siena, dove il 6 marzo 2013 è morto l’allora capo dell’area Comunicazione della banca Monte dei Paschi di Siena

Le tappe della nostra inchiesta

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.