>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsCercamostra di piùMenuTwitterUtenteWhatsAppClose
  • Accedi
News

Le attrici riconoscono il "Weinstein italiano"

Sono ore concitate e caldissime sul fronte dell’identificazione del cosiddetto “Weinstein italiano”. A seguito dei servizi della nostra Iena, Dino Giarrusso, un terremoto si sta producendo nello star system cinematografico italiano. Si tratta di un caso che vedrebbe protagonista un affermato regista e produttore, più che quarantenne, estremamente potente in àmbito cinema. Un presunto molestatore seriale, che agirebbe secondo un medesimo schema e le cui condotte, che secondo le testimonianze sarebbero intimidatorie ed esplicitamente sessuali, sono state raccontate da attrici e artiste. Ora il cerchio intorno all’orco sembra stringersi. Stiamo ricevendo numerose segnalazioni da parte di attrici e operatrici dello spettacolo che sarebbero state provinate dal regista molestatore. Abbiamo deciso di pubblicarne qui alcune, molto significative, anticipando che domenica andrà in onda un’ulteriore tappa dell’inchiesta condotta da Dino Giarrusso.


"Chiamiamolo per nome"

Da: rrr@rrr.com
A: redazioneiene
Oggetto: Avance noto regista e produttore

Salve Iene! Mi chiamo D., ho 25 anni e, sì, anche io stavo per avere una brutta esperienza con quello che voi avete ribattezzato "il Weinstein italiano", ma che forse sarebbe il caso di chiamare per nome: XXXXXXXXXX
Vedendo i vostri servizi e ascoltando i racconti delle altre vittime, sono quasi certa che proprio di lui si tratti.
Sono tantissime infatti le analogie con la mia brutta esperienza: tutto parte da un provino, poi lui ti contatta, ti invita nel suo loft per darti delle dritte di recitazione... e magari ci scappa anche una palpatina!
(...) La cosa che davvero mi ha scosso e che certamente mi ha sfiduciata nel continuare a fare l'attrice è l'insistenza con cui XXXXXXX, nonostante i miei rifiuti, abbia continuato per circa un anno e mezzo a insistere, con messaggi e chiamate, affinché ci vedessimo...


"Ci metto la faccia"

Da: sss@sss.com
A: redazioneiene
Oggetto: Attrici molestate

Salve, sono YYYYYYYYY, vincitrice del concorso ZZZZe protagonista di AAAAA. Atualmente vivo a CCC ma un amico che sapeva mi ha mandato il link del servizio "Attrici molestate" e posso con certezza dirvi che anch'io ho avuto a che fare con questo viscido e che adesso sono pronta a metterci la faccia pur di denunciare questo schifo.


"Stesso copione..."

Chat Whatsupp da: DDDDDDDDDD

Ciao, era XXXXXXXXXX il regista che diceva la ragazza coperta, vero?
Stesso copione, 'sto pezzo di merda...
Gli auguro i peggiori dei mali a questo bastardo! Ti prego, non voglio sentirmi la sola: mi confermi il nome per favore?


"... e poi cerca di metterti le mani addosso..."

Chat Whatsupp da: EEEEEEE

Stesso copione con tutte... ti dà un appuntamento allo "studio" e poi lo studio è casa sua... e poi cerca di metterti le mani addosso...
Immaginavo che lo facesse con tutte...
Io gli dissi subito che non avevo nessuna intenzione di andare oltre e lui mi disse: "e allora? Che vuoi fare?"


"Si tratta di...?"

Chat Whatsupp da: FFFF

Anche io ho avuto un'esperienza con il regista XXXXXXXXXX.
Non così spinta.
Comunque parliamone al telefono, quello che so lo metto a disposizione. Si tratta ovviamente di XXXXXXXXXX?



L'ultimo servizio di Dino Giarrusso sul caso del "Weinstein italiano".

Aggiornamenti live

  • Altre 5 ragazze accusano Brizzi di molestie. L’ Avv. Bongiorno: “Denunciate”

  • La moglie di Fausto Brizzi rompe il silenzio: "Per me sono solo voci"

Tutti gli aggiornamenti

Suicidio Assistito

Caso David Rossi

La polizia scientifica, con i vigili del fuoco, ha fatto nuove ispezioni nel vicolo Monte Pio a Siena, dove il 6 marzo 2013 è morto l’allora capo dell’area Comunicazione della banca Monte dei Paschi di Siena

Le tappe della nostra inchiesta

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.