>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsCercamostra di piùMenuTwitterUtenteWhatsAppClose
  • Accedi
News

Liban, Giulia e Jordan stanno bene!

Liban, il ragazzo tenuto ostaggio per mesi a Nairobi dalla propria famiglia, che lo voleva allontanare dalla compagna Giulia, si sta lentamente riprendendo e ora vive assieme a Giulia e al figlio Jordan. I tre stanno bene e vi salutano!

Vi abbiamo raccontato la storia di Liban ad aprile, in un servizio di Pablo Trincia. Ragazzo di origine somala residente nei pressi di Londra, Liban, in seguito ad un grave incidente che gli ha causato un coma durato due mesi, viene portato e trattenuto dalla famiglia a Nairobi. La madre di Liban, infatti, non aveva mai approvato la sua relazione con Giulia, e impedisce alla ragazza di avere contatti con lui. Pablo Trincia, assieme a Giulia, è andato a riprenderlo per riportarlo a casa dal figlio. Vi riproponiamo il servizio in cui raccontiamo questa incredibile storia.

l'intervista

Firenze

L'intervista

Il caso

L'intervista

Il caso

Il caso

Bitcoin

M5S

Conte

Anticipazione

Le nostre Iene Corti e Onnis stanno cercando di fargli siglare la pace con il “nemico” Mourinho

In Tribunale

I servizi su Paola Catanzaro

La storia

L'Intervista

Nadia Toffa

Dopo l'annuncio di Nadia Toffa

In aula

Violenza su animali

Palermo

Firenze

Esclusiva web

“La tramvia sarà pronta entro il 14 febbraio 2018, scommetto una cena con i fiorentini”. Il sindaco di Firenze ci ha mandato due foto sul filo di lana

Roma

Violenza sulle donne

I nostri servizi

L'intervista

napoli

I nostri servizi sulle baby gang a Napoli

L'intervista

L'intervista

L'intervista

La storia

Esclusiva web

Mario Bartoli voleva risentire, vent’anni dopo, “quel magico battito” nel petto di chi ha ricevuto la donazione dopo la morte del suo Christian, a 17 anni. L’abbiamo seguito e aiutato, oggi ci ha chiamato

Donazione organi

Verso il processo

Dopo il nostro servizio

Dopo il servizio della nostra Iena Nina Palmieri, dagli atti emerge un particolare inquietante. Una sfida, in clinica, davanti all'uomo che, dopo il pestaggio, da un anno e mezzo è in stato vegetativo

Le inchieste

Le tappe dell'inchiesta

L'intervista

La querela

Diario di bordo

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.