>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Molestie e caso Brizzi: archiviazione con false testimonianze | VIDEO

Aveva dichiarato di essere stata contattata per accusare Fausto Brizzi di molestie sessuali, in cambio di soldi e visibilità. Oggi Tania Sanchez Diaz dice a Roberta Rei dice che era tutto falso. Intanto le accuse contro il regista sono state archiviate. Cosa farà ora la Procura?

Roberta Rei parla con Tania Sanchez Diaz. Lei è la spagnola che ora sarebbe accusata dalla Procura di Roma per false dichiarazioni al difensore in seguito alla denuncia di Alessandra Bassi, una delle tre attrici che ha accusato il regista Fausto Brizzi per molestie sessuali, come vi abbiamo raccontato nei precedenti servizi.

Dopo la messa in onda ci ha contattato l’ex fidanzato di Tania, che si è messo a disposizione per farci da tramite con la spagnola. Tania Sanchez gli confessa di aver detto il falso all’avvocato di Brizzi, e cioè che non era vero che Alessandra Bassi, una delle tre attrici che ha denunciato il regista, l’aveva contattata per dirle che se avesse accusato Brizzi di molestie sessuali ci avrebbe guadagnato in soldi e visibilità in Italia.  

A noi de Le Iene spiega che per queste dichiarazioni avrebbe ricevuto da persone vicine a Brizzi il pagamento del biglietto aereo per venire a Roma a rendere le sue deposizioni e poi una borsetta firmata al suo ritorno in Spagna. "Ricevo una chiamata da Alessandro Rosica (un conoscente dell’allora moglie di Fausto Brizzi, Claudia Zanella, ndr) che mi dice che c'è un problema, che c'è un regista molto importante che è stato accusato di alcune cose”, racconta la Sanchez. “Mi hanno chiesto aiuto. ‘Tu dovresti andare a difenderlo’, mi ha detto Rosica". Il 20 dicembre Rosica, secondo quanto dice la Sanchez, le avrebbe scritto: “Se va bene, guadagneremo molto".

Così la Sanchez vola a Roma con il biglietto aereo che le sarebbe stato regalato da Claudia Zanella e ci sarebbe stato un incontro in via Veneto al Doney Cafè. "C'era l'avvocato, il suo assistente e Claudia. È come se mi avessero preparato tutto. Quando sono arrivata lì, prima ancora che iniziassi a parlare, l'avvocato stava già prendendo le mie dichiarazioni".

Il suo racconto è poi finito nel procedimento giudiziario in cui è stato archiviato Fausto Brizzi dall'accusa di molestie sessuali. Ora però, in seguito alla denuncia di Francesca Bassi, Tania Sanchez Diaz sarebbe indagata per false dichiarazioni al difensore dalla Procura di Roma.

Molestie alle attrici: i nostri servizi

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.