>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Revenge porn, chat che inneggia allo stupro su Telegram: “Avete foto di minorenni?”

In tantissimi ci avete segnalato una nuova chat su Telegram dove 36mila utenti si scambiano foto e video intimi. Con Matteo Viviani e Riccardo Spagnoli siamo entrati in questo gruppo e vi mostreremo che cosa c’è dietro nella prima puntata de Le Iene di martedì 21 aprile. Intanto vi spieghiamo come rimuovere questi materiali grazie a Emme Team 

Qualcuno che ha foto anche di minorenni?”. È una delle richieste più agghiaccianti fatte in una chat, di cui vi mostriamo due screen qui sopra. Un nome che lascia poco all’immaginazione e che raccoglie oltre 36mila iscritti su Telegram. In tantissimi ci avete segnalato l’esistenza di questo gruppo dove gli utenti si scambiano in continuazione foto e video intimi in cui si vedono adulti ma anche corpi giovanissimi. Materiale che poi finisce su siti e portali porno inchiodando così per l’eternità quel momento che da intimo diventa alla portata di tutti. 

Anche di questo gruppo vi parleremo con Matteo Viviani e Riccardo Spagnoli nella puntata de Le Iene che torneranno dopo l’emergenza coronavirus da martedì 21 aprile alle 21.20 in onda su Italia1. Nel frattempo se siete anche voi vittime e i vostri video girano dentro Telegram ma anche fuori, a partire da oggi l’Emme Team ha messo a vostra disposizione un servizio apposta sul loro sito (clicca qui per visitarlo).

Accedendo al loro portale potrete fare richiesta per rimuovere il materiale pubblicato senza il vostro consenso. È sufficiente compilare il modulo indicando su “seleziona servizio”, l’opzione “telegram” e il team si occuperà gratuitamente di richiedere i blocchi dovunque il vostro video compaia e cercheranno di identificare i responsabili della diffusione. È importante che le richieste siano inviate dalle vittime o da un loro familiare se hanno un’età inferiore ai 16 anni. Non mandate richieste false o attraverso identità fittizie perché altrimenti la richiesta non andrà a buon fine e avrete sottratto tempo prezioso ai volontari di Emme Team.

Con Veronica Ruggeri abbiamo conosciuto  Emme Team, un gruppo di avvocati e tecnici americani che lavorano ogni giorno contro qualsiasi forma di revenge porn. A loro ci siamo rivolti per risolvere il problema di una donna che assieme alla figlia di 15 anni e al fidanzatino 17enne di lei, trasmettevano su un social network video dirette fatte di baci, carezze e nudità. E per chi pagava, con un bonifico o con un buono per fare acquisti online, si spingevano ancora più in là (guarda qui il servizio). 

Da allora hanno risolto con successo oltre 300 casi, facendo sparire per sempre da tantissimi siti internet oltre 8.000 video di revenge porn. Anche noi de Le Iene continueremo la battaglia per aiutare le vittime di revenge porn. Torneremo a parlarvene con Matteo Viviani e Riccardo Spagnoli a partire dal 21 aprile!

anticipazione

Presa a pugni perché suonava il flauto: dietro a questo video si nascondono purtroppo altre migliaia di casi di violenza sulle donne, che sono triplicati nel mondo durante la convivenza forzata da quarantena. Ce ne parla Veronica Ruggeri, che ha sentito anche la ministra per le Pari Opportunità Elena Bonetti, martedì 26 maggio a Le Iene dalle 21.10 su Italia1

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.