>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News | di REI |

Catania, "ambulanza della morte": arrestato 42enne accusato di omicidio volontario

Catania, arrestato un uomo di 42 anni, accusato di omicidio volontario per il caso “ambulanza della morte”. L'indagine era partita in seguito ad un'inchiesta della nostra Iena Roberta Rei, che in un servizio andato in onda nel maggio 2017 aveva ascoltato la testimonianza di un ambulanziere, a cui se ne era poi aggiunta una seconda.
Le indagini hanno quindi portato all'arresto di un barelliere di 42 anni che avrebbe ucciso tre anziani mentre venivano trasportati in ambulanza dall'ospedale di Biancavilla (Catania) alle loro case, iniettandogli dell'aria in vena.
Una volta arrivato a casa dei familiari della vittima, approfittando del momento di debolezza di questi, afflitti dal dolore, l'uomo avrebbe venduto ai parenti del defunto alcuni servizi di onoranze funebri. In cambio, avrebbe ottenuto dalle onoranze funebri una somma di denaro. Stando alla testimonianza raccolta dalla nostra Iena, si tratterebbe di circa 300 euro a salma. Secondo l'accusa, inoltre, l'uomo avrebbe agito nell'interesse di clan di Cosa nostra.

La testimonianza ascoltata da Roberta Rei faceva appunto riferimento alla pratica utilizzata da un barelliere per accelerare la morte dei pazienti dimessi dall'ospedale perché in fin di vita e trasportati in ambulanza dall'ospedale di Biancavilla (Catania) alle loro case.

“Praticamente la gente non moriva per mano di Dio. Siccome era in agonia e doveva morire lo stesso, la facciamo morire prima sull'ambulanza, così noi guadagniamo 300 euro anziché 50 o 20”.

Ambulanza della morte: nuovi sviluppi

dopo il nostro servizio
Siamo tornati a parlare con Sergio Bramini, l’imprenditore fallito e sfrattato nonostante vantasse 4 milioni di crediti mai pagati dallo Stato, ora consulente del governo. Con Alessandro De Giuseppe abbiamo affrontato anche il caso della Dusty srl, che aveva 17 milioni di questi crediti. Il giorno dopo quest’azienda è stata salvata

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.