>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

“Aiutateci: qui in Siria è un massacro” | VIDEO

Guardate e condividete il video che ci ha inviato Emad da Douma, dove in una settimana sono stati uccisi 500 civili

“Ciao amici delle Iene, sono Emad da Douma: qui è un massacro, un disastro umanitario, fate vedere questo video a più persone possibile”. Poco fa Emad ci ha mandato queste immagini che ha girato a Douma, in Siria, dove i bombardamenti del regime di Assad, con l'appoggio della Russia, hanno ucciso solo nell'ultima settimana oltre 500 civili. Tra le vittime ci sono 123 bambini.

“Questa zona non è più abitabile, non ci sono più servizi, tanti bambini sono morti, gli ospedali non riescono più ad accogliere la gente, proprio ora ci sono bombardamenti da un'altra parte”, dice Emad mentre mostra i palazzi crollati, la città ridotta in macerie, tra soccorsi improvvisati e terrore. Le immagini che vedete qui sopra comunicano più di qualsiasi parola.

L'Onu ha votato ieri all'unanimità una risoluzione per un cessate il fuoco di almeno 30 giorni in Siria, ma la tregua è stata violata subito, dopo poche ore.

Per favore, aiutateci. Facciamo che l'Italia e la politica italiana diventino il cuore umanitario dell'Europa e fermino questi aerei, soprattutto russi, che bombardano i civili. Non so se riuscirò a farvi avere questo video con i problemi di comunicazione che abbiamo”.

Emad è riuscito a inviarcelo, noi l'abbiamo pubblicato subito, prima del servizio di Nicola Barraco e Roberta Rei che manderemo in onda prossimamente. Condividiamo la sua speranza e ripetiamo il suo appello: fatelo girare e fatelo vedere a quante più persone possibile perché “il mondo deve ricordarsi della Siria”.

I nostri servizi sulla Siria

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.