>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News | di VIVIANI |

Abusi sessuali su minori in palestra, a processo il maestro di karate

Rinviato a giudizio Carmelo Cipriano. Giada, una delle vittime, racconta alla nostra Iena Matteo Viviani il suo incubo

I tempi della giustizia sembrano andare veloci sul caso di Carmelo Cipriano, l'istruttore di karate che avrebbe avuto rapporti sessuali nella sua palestra con alcune minorenni (la più piccola aveva 12 anni al momento del primo approccio). L'uomo, 44 anni, di Lonato del Garda, è stato rinviato a giudizio dal gip del Tribunale di Brescia. Cipriano, che ha scelto di essere processato con il rito abbreviato, sarà sul banco degli imputati il prossimo 28 marzo.

«La sua condotta denota una totale assenza di freni inibitori e un totale sprezzo delle regole di civile convivenza e di mancanza di rispetto per la vita altrui, dimostrando infine di essere avvezzo all'uso della violenza e della prepotenza e di farvi ricorso con assoluta disinvoltura», ha scritto il pm Ambrogio Cassiani quando a ottobre ha chiesto e ottenuto l'arresto di Cipriano.

Il 5 novembre 2017 con la nostra Iena Matteo Viviani vi abbiamo raccontato la storia di una di queste vittime: Giada, oggi maggiorenne, che ci ha raccontato le numerose molestie e violenze subite da Carmelo Cipriano, quando aveva 12 anni. Giada oggi parla con lucidità, all'epoca era confusa: “Ha saputo costruire grande fiducia sia con me che con la mia famiglia. Quando mi diceva che ero speciale pensavo: ‘se fa così è perché mi vuole bene'”.

Il maestro di karate parte con i palpeggiamenti, va oltre. Fino al primo rapporto sessuale. Comportandosi, oltre tutto, come un amante geloso e aggressivo. A 17 anni Giada non ce la fa più: “Per me era sempre orribile, era sempre un pianto. Mi procuravo tagli sulle braccia, mi picchiavo da sola”. Riesce a dire basta, ma non a raccontare il suo incubo. Fino a circa un anno fa. Tornando in palestra assieme al suo attuale compagno, avrebbe visto l'ex maestro uscire da uno stanzino con una ragazzina. “Ho detto: no! Allora per la prima volta sono riuscita a parlarne con il mio ragazzo”.

Guarda qui sotto tutta l'intervista di Matteo Viviani a Giada.

Un’ordinanza temporanea vieta di fare il bagno nelle acque del litorale sud di Roma per un presunto scarico di liquami-fanghi dai fossi dell’Incastro e di Rio Torto. Noi delle Iene ci siamo occupati del tema dell'inquinamento del mare con un servizio di Andrea Agresti

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.