>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News | di VIVIANI |

Abusi sulle minori: dalla nazionale Usa a una palestra del bresciano

170 anni per l'ex medico della nazionale di ginnastica americana. Noi delle Iene vi avevamo raccontato una storia simile, quella di Giada, che ci ha raccontato di essere stata molestata dal suo allenatore

170 anni di carcere: “Non uscirà più di prigione”, parola del giudice. È la pena stabilita ieri in Michigan per Larry Nassar, 54 anni, ex medico della nazionale Usa di ginnastica, probabilmente, secondo l'accusa, “il più grande aggressore sessuale di minori della storia”. Nassar avrebbe abusato di 160 ragazze, tra loro anche la campionessa olimpica Simone Biles.

Il 5 novembre 2017 con la nostra Iena Matteo Viviani vi abbiamo raccontato una storia simile, con numeri diversi, ugualmente tragica. È quella di Giada, oggi maggiorenne, che ci ha raccontato di essere stata molestata più volte dal suo allenatore di karatè 43enne, Carmelo Cipriano, quando lei aveva 12 anni. Anche Cipriano sarebbe un abusatore seriale, con almeno altre 6 vittime.

“Ha saputo costruire grande fiducia sia con me che con la mia famiglia”, racconta Giada. Da un atteggiamento affettuoso, quasi paterno, sarebbe passato presto a un attaccamento morboso, fino ad arrivare agli abusi sessuali.

Giada racconta tutto con grande lucidità, ma all'epoca era confusa: “Quando mi diceva che ero speciale pensavo: ‘se fa così è perché mi vuole bene'”.

Un giorno, racconta Giada, il maestro riesce a costringerla a spingersi fino in fondo: “Mi ricordo la scena in cui io sono sdraiata per terra con le lacrime. Per me era orribile”. Poi, a 17 anni, la ragazza arriva al limite: “Mi procuravo tagli sulle braccia, mi picchiavo da sola”. Riesce ad opporsi al suo maestro, ma non riesce raccontare il suo incubo. Fino a un anno fa quando, tornando in palestra, avrebbe visto l'ex maestro uscire da uno stanzino con una ragazzina. “Ho detto: no! Allora per la prima volta sono riuscita a parlarne”.

Il 6 ottobre 2016 Carmelo Cipriano è finito in carcere in custodia cautelare. Il rinvio a giudizio dovrebbe essere deciso il 29 gennaio. Nell'udienza l'uomo dovrà rispondere di prostituzione minorile, violenza su minore, detenzione di materiale pedopornografico, riduzione in schiavitù e violenza sessuale di gruppo. I legali delle vittime, Riccardo Caramello e Michela Marchesi, confermano che la pena prevista dovrebbe oscillare tra i 15 e i 25 anni di reclusione.

Guarda sotto il servizio completo di Matteo Viviani

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.