>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News | di Matteo Gamba |

“Avorio illegale in Italia e in Europa: elefanti a rischio estinzione”

Uno studio dell’università di Oxford per l’ong Avaaz: il 75% dell’avorio in Europa è venduto illegalmente (in Italia si arriverebbe al 100%). Per questo ogni giorno vengono uccisi 80 elefanti e in un anno si arriva a 30.000. Una petizione chiede all'Ue di dire basta

Il 75 per cento dell’avorio venduto in Europa è illegale perché ottenuto da elefanti uccisi di recente. A sostenerlo è uno studio fatto all'Università di Oxford grazie ai fondi raccolti dall’ong internazionale Avaaz. Obiettivo: salvare la vita degli elefanti, che rischiano l’estinzione per questo commercio. Ogni giorno ne vengono uccisi infatti almeno 80 per prendere le zanne da cui si ricava l’avorio.

La Commissione europea aveva detto che non ci sono abbastanza prove di questo mercato: lo studio, finanziato da 50 mila persone di ogni parte del mondo, porta delle prime evidenze su base scientifica.

Avaaz ha acquistato più di 100 articoli in avorio in 10 Paesi europei e li ha fatti datare con un esame al Carbonio 14 dall'Università di Oxford per determinare la loro vera età. I risultati dimostrano che quasi tre quarti (il 74,3%) risalgono o a dopo il 1947, e la loro vendita, fatta senza certificati ufficiali, è risultata illegale, oppure, addirittura, a dopo il divieto di commercio globale dell'avorio del 1989 (il 19,3%). Il 100% degli articoli acquistati in Italia, 4 in totale, sono risultati illegali.

I 10 Paesi europei in cui sono stati acquistati i pezzi d’avorio poi analizzati sono: Belgio, Bulgaria, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito e Spagna. Cina e Gran Bretagna intanto hanno già annunciato quest’anno più limiti alla vendita dell'avorio. L'Unione Europa ospita invece un fiorente mercato interno, ufficialmente di avorio "antico". Secondo Avaaz questo finisce per essere una copertura di fatto per il commercio illegale. 

Le regole Ue permettono il commercio senza restrizioni dell'avorio lavorato prima del 1947. L'avorio risalente al periodo compreso tra 1947 e il 1990 può essere venduto solo se accompagnato da un certificato, mentre è proibita la vendita di tutto l'avorio risalente a dopo il 1989Avaaz chiede all’Europa di dire: “Basta commercio di avorio", con una petizione a cui potete aderire cliccando qui.

Il Commissario per l'AmbienteKarmenu Vella, ha dichiarato che l'Ue sta riflettendo sul tema e ha accettato di incontrare una delegazione di Avaaz per farsi consegnare quello che definisce "uno studio importante" con "informazioni preziose".

Ogni anno, per l’avorio, vengono uccisi oltre 30 mila elefanti, 82 ogni giorno, Come numero totale, questi grandi mammiferi della savana sono diminuiti di un terzo solo nell'ultimo decennio. L’estinzione è un rischio concreto e potrebbe avvenire in pochi decenni.

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.