>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Bramini consulente del governo: “Prime aziende e lavoratori salvati” | VIDEO

L’imprenditore, fallito nonostante 4 milioni di credito mai pagati dallo Stato e poi pure sgomberato da casa, racconta come si è messo subito al lavoro perché nessuno patisca più quello che hanno sofferto lui e la sua famiglia

Sergio Bramini è già all’opera come consulente del governo, in particolare del ministro dello Sviluppo, il vicepremier Luigi Di Maio, capo politico del M5S, e ci tiene a raccontare subito quello che sta facendo per evitare che altre persone passino quello che ha passato lui.

Lui, che è fallito nonostante vantasse 4 milioni di euro di crediti mai pagati dallo Stato e che il 18 maggio scorso è stato pure sgomberato da casa. Noi de Le Iene abbiamo seguito per primi con Alessandro De Giuseppe la sua storia e continuiamo a farlo. Oggi, pubblicando il video qui sopra che ci ha mandato, in cui riassume i risultati della sua nuova attività.

Il primo fronte è quello dei crediti non pagati dal settore pubblico. Bramini è partito proprio dal problema che ha fatto fallire la sua azienda di smaltimento dei rifiuti, che vantava crediti soprattutto in Sicilia.

“Sono riuscito a ottenere che fosse confermato un nuovo articolo della Regione Sicilia, che permette alle imprese di certificare un totale di un miliardo e 700 milioni di crediti”, racconta. “Senza questa conferma, 5-6 imprese rischiavano di fallire, con migliaia di posti di lavoro a rischio. Non solo, il Consiglio dei ministri ha sancito che anche l’Ato (Ambito territoriale ottimale, un territorio con servizi pubblici integrati, ndr) può certificare i crediti”.

Certificare i crediti vuol dire che lo Stato ne “riconosce” l’esistenza a bilancio: “Questo ha permesso di evitare per esempio il fallimento alla Dusty srl, che ha crediti per 17 milioni di euro e di non lasciare a casa 700 persone”.

L’altro fronte è quello degli sgomberi da casa. Anche questo Sergio Bramini l’ha vissuto sulla sua pelle e sta combattendo "contro gli sloggi di 500 mila famiglie: qualche milione di persone si troveranno per strada e vi lascio immaginare quello che succederà”.

Sfoglia qui in basso le foto della gallery che ripercorrono la storia di Sergio Bramini e tutti gli articoli e i servizi principali che abbiamo dedicato al caso.

Il caso di Sergio Bramini in foto

 
1 di 50

 



 

Bramini, i nostri articoli e i servizi sul caso

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.