>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Merce scaduta nei supermercati: “Ridiamo un lavoro a chi ha denunciato?” | VIDEO

Dopo aver registrato le terribili immagini nella macelleria di un supermercato che abbiamo mandato in onda, al ragazzo non è stato rinnovato il contratto. Aiutiamolo a riavere un lavoro!

“Non importa se la carne è scaduta, quello che c’è da rietichettare lo rietichetti e quello che c’è da riprezzare lo riprezzi”. Nel servizio di Giulio Golia del 6 novembre vi abbiamo mostrato le terribili immagini registrate con una telecamera nascosta da un nostro complice, dipendente del reparto macelleria di un grandissimo supermercato.

Le immagini e le parole del capo reparto di questo ragazzo non lasciano dubbi: in questo supermercato, quando la carne è scaduta, viene riconfezionata con una nuova data di scadenza.

“Come vi ho detto nel secondo servizio dedicato agli alimenti scaduti nei supermercati, a quel ragazzo non è stato rinnovato il contratto”, racconta Giulio Golia nel video che vedete qui sopra. Così, per aver ripreso e denunciato un vero viaggio nell’orrore tra il cibo scaduto e messo in vendita (cosa che, oltre a mettere a rischio la salute di chi compra e mangia i prodotti, è reato penale come frode in commercio) questo ragazzo si trova ora senza un lavoro.

Aiutiamolo a riavere un lavoro! Chiunque voglia fargli un colloquio, può scriverci a redazioneiene@mediaset.it. Diamogli una mano!

Guarda qui sotto il servizio di Giulio Golia sulla carne scaduta al supermercato. 

esclusiva web

Ivan farebbe uso di marijuana, cocaina e psicofarmaci. La madre del ragazzo, che in casa ha altri due fratelli,  rivolge attraverso Le Iene un disperato appello ai servizi sociali, perché mettano il ragazzo in una comunità di recupero  

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.