>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News | di NINA |

Caso Mariano: proviamo a risolvere il problema senza generare altro odio?

Ci dispiace per le aggressioni verbali rivolte alla nipote e a suo marito. Anche per questo lanciamo una proposta, che va nella direzione che perseguiamo fin dall'inizio

 

Mercoledì vi abbiamo trasmesso un nuovo servizio sul caso di Mariano, il 90enne sotto sfratto per una lunga lite familiare. Torniamo sul caso innanzi tutto per prendere le distanze dalle centinaia di insulti che ha ricevuto, partendo da Facebook, la famiglia della nipote che abita sotto. Di sicuro non è così che si risolve il problema.

Non vogliamo e non possiamo entrare nel merito della diatriba da cui è nato il tutto. La nostra è una “fotografia” della situazione attuale: siamo quasi all’epilogo, con nonno Mariano che sta molto male e che potrebbe anche morire se venisse spostato. A questo punto, non è meglio rivedere tutto per trovare un accordo?

Non si può arrivare a un affitto per Mariano e la moglie Filippa? Se i 400 euro proposti non bastano alla nipote, possiamo dare tutti insieme una mano. In molti vi siete detti disponibili a farlo. Se volete, potete scrivere a questa email: danielalucido@virgilio.it.

Cerchiamo solo di rimettere a posto le cose.

Guarda qui sotto i servizi di Nina Palmieri dedicati al caso di Mariano del 4 e 21 marzo.

 

 

 

Torniamo sul caso furbetti della raccolta dei rifiuti di Roma sollevato dall’inchiesta di Filippo Roma e Marco Occhipinti. Lo facciamo perché la sindaca Virginia Raggi continua a dare versioni diverse, sia sull’utilità della nostra segnalazione sia sulla commissione di controllo di Ama che avrebbe dovuto vigilare sugli operatori della raccolta. E crediamo che adesso la capitale meriti risposte definitive

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.