>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Colf in nero, Di Battista: “Fico dovrebbe dare spiegazioni”

Alessandro Di Battista invita il Presidente della Camera Roberto Fico a fare chiarezza sulla colf in nero dopo l’inchiesta di Antonino Monteleone

“Roberto Fico dovrebbe intervenire e riuscire a far capire alla propria compagna che bisogna sistemare questa questione”. Così Alessandro Di Battista, ospite della nuova trasmissione Accordi e disaccordi in onda su Canale Nove, invita il Presidente della Camera Roberto Fico a fare chiarezza sulla questione della colf in nero sollevata dal nostro Antonino Monteleone.

La Iena, nel servizio del 29 aprile, ha incontrato il Presidente della Camera proprio per chiedergli se è vero che nella casa a Napoli della sua compagna Yvonne De Rosa, dove vivrebbe anche Roberto Fico, lavora senza contratto e in nero come colf e baby sitter una ragazza che si chiama Imma. Il presidente Fico aveva risposto con un deciso “no” alla domanda se nella casa di Napoli lavorassero collaboratori domestici, con o senza contratto. E quando la Iena gli aveva fatto il nome di Imma, il Presidente aveva parlato di “un rapporto d’amicizia” che ci sarebbe tra questa e la sua compagna, che ogni tanto si aiutano con dei favori a vicenda. A smentire questa situazione, però, sono state le parole della stessa Imma, registrata da una telecamera nascosta: “Io lavoro qua, faccio la babysitter”, dicendo però di avere un contratto perché “ci tengono molto a queste cose”. A smentire che quello di Imma sia un semplice favore alla compagna di Fico, come aveva invece sostenuto il Presidente della Camera, sono anche i turni di lavoro e lo stipendio di cui ci ha parlato la ragazza: “Da mezzogiorno alle 3 e dalle 6 alle 7 e mezza, dal lunedì al venerdì”, con uno stipendio di 500 euro al mese, circa 5, 6 euro all’ora.

Di Battista chiede quindi chiarimenti al presidente della Camera: “È evidente che una persona che ricopre un ruolo pubblico ha il dovere non solo di essere onesto, ma anche di apparire come tale. Un Cinque Stelle deve stare ancora più attento a qualsiasi cosa: fosse anche un semaforo o dove parcheggiare”.

Guarda qui sotto il primo servizio di Antonino Monteleone su Roberto Fico e la colf in nero

 

Guarda qui sotto il secondo servizio di Antonino Monteleone su Roberto Fico e la colf in nero 

Sale il bilancio delle vittime mentre si celebrano i funerali di Stato, rifiutati da venti famiglie. Una testimone diretta racconta il crollo del ponte. Ed emerge un incontro di 27 giorni fa che evidenziava criticità e prometteva interventi proprio sui cavi, prima ipotesi di lavoro come causa della tragedia. “Chiesti invano controlli 24 ore su 24”

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.