>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

“Quante gliene abbiamo date a Cucchi”. Parla l'ex moglie di un carabiniere | VIDEO

Stasera a Le Iene, dalle 21.20 su Italia1, l’ex moglie di Raffaele D’Alessandro, tra gli accusati del pestaggio che ha portato alla morte di Stefano Cucchi il 22 ottobre di nove anni fa, racconta come il militare parlava del caso

Il 22 ottobre 2009, nove anni fa, moriva Stefano Cucchi per il più che probabile pestaggio subito dai carabinieri dopo il suo fermo il 15 ottobre precedente.

La settimana scorsa abbiamo trasmesso l’intervista di Gaetano Pecoraro alla sorella Ilaria, che ha combattuto sempre alla ricerca della verità, e alla madre, Rita Calore, che per anni era rimasta in silenzio. Quell’intervista arrivava dopo una fondamentale svolta processuale: uno dei militari accusati, il carabiniere Francesco Tedesco ha ammesso il pestaggio in aula.

Pablo Trincia ha intervistato l’ex moglie di un altro imputato, il carabiniere Raffaele D’Alessandro che racconta come l’ex marito parlava del caso: “Eh, c'ero anch'io quella sera là, quante gliene abbiamo dato a quel drogato di merda”, con insulti anche per Ilaria Cucchi (costretta anche oggi a denunciare i continui insulti e minacce che riceve su Internet). “'Sta puttana” era l’epiteto che le riservava sempre.

Dopo il servizio sul reparto macelleria, Giulio Golia racconta che il cibo scaduto viene riconfezionato con una nuova data di scadenza in tutti i reparti di molti supermercati: frutta e verdura, pescheria, pasticceria, gastronomia... I prodotti vengono riusati in ogni modo, alla faccia della salute di chi compra

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.