>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Disastro del Vajont: “Aiutatemi a trovare il bambino salvato dal fango da mio papà”

Il padre di Deborah, prima di morire, le ha chiesto solo una cosa: “Trova quel bambino che ho salvato dal disastro del Vajont e abbraccialo per me”

“Il 9 ottobre 1963 mio padre era tra i militari che arrivarono per primi nella Valle del Vajont”. Deborah racconta i dettagli del disastro del Vajont come se fosse stata presente. “Mio padre, Luciano Basso, mi ha sempre raccontato questa storia e di come quella sera salvò un bambino che non ha più dimenticato”. La sera del 9 ottobre una tragedia colpisce la Valle del Piave, al confine tra Friuli e Veneto. Una frana, staccatasi dal Monte Toc, sprofonda nel bacino artificiale del Vajont, causando un’inondazione che ha portato via case, paesi e la morte di quasi duemila persone

A Deborah trema la voce nel ricordare i racconti del padre. “Mi parlava del fango, delle persone sommerse, della camionetta che non riusciva più ad andare avanti. I militari si chiedevano quando sarebbero arrivati a Longarone, senza rendersi conto che c’erano già, ma Longarone non esisteva più”. Ed è proprio dove una volta c’erano case e persone che Luciano, il padre d Deborah, vede il bambino senza nome. “Avrà avuto 3 o 4 anni. Era ricoperto di fango, solo e disperato. Si è attaccato alle braccia di mio padre e non voleva più lasciarlo. Aveva una canottierina bianca, i capelli corti e forse un braccino rotto”. “L’ha portato all’ospedale di Belluno, promettendogli che sarebbe tornato prima possibile a trovarlo”. E così è stato. Appena avuta la licenza, dopo circa 20 giorni dal disastro, Luciano torna in quell’ospedale, ma il bambino, di cui non sapeva neanche il nome, non c’era più. “I medici non hanno saputo dargli informazioni su dove fosse. In quei giorni passarono tantissime persone dall’ospedale. Il bambino poteva essere in un orfanotrofio, oppure con i suoi genitori che erano tornati a prenderlo, o da qualche altra parte. Mio padre l’ha cercato per tutto l’ospedale”. E non solo. Luciano ha cercato il “bambino senza nome” per le strade, nei paesini, nelle case, per tutta la vita. “Fin da quando ero piccola mio padre tornava ogni mese a Longarone e a Belluno e chiedeva alle persone se sapevano di un bambino sopravvissuto al disastro del Vajont. Suonava i campanelli, chiedeva nei negozi. Ma non l’ha mai trovato”. “All’ospedale gli dissero che le carte dei sopravvissuti erano state mandate a Roma, ma lui non è mai riuscito a ottenerle”.

Perché Luciano ha cercato così tanto quel bambino? “Mi diceva che la sera del disastro scavava per terra in cerca delle persone, che aveva le vesciche alle mani, che gli usciva il sangue. Ma quando ha trovato questo bambino non ha più sentito male alle mani. Credo sia per questo che lo ha cercato tanto, per la felicità che ha provato nel salvarlo”. Come se fosse un figlio scomparso, Luciano negli anni lo immagina crescere, lo vede nei ragazzini che incontra a Longarone, e poi negli adulti che vede passargli accanto.

Quando mio padre è morto, il 29 dicembre 2005, mi ha chiesto solo una cosa: “Trova il bambino e abbraccialo per me”. “Io gliel'ho promesso”, ci dice Deborah e la voce le trema. “Ogni estate vado a Belluno e chiedo in ospedale, agli abitanti, ovunque. Ma più passa il tempo meno possibilità ho di fare a mio padre questo regalo. Ora quel bambino senza un nome avrà 60 anni, non so nemmeno se è vivo. Ma devo trovarlo ovunque sia, fosse anche solo per portargli un fiore”.

Così Deborah, attraverso Le Iene, si rivolge direttamente a lui, nella speranza che il suo appello possa raggiungerlo: “Se sei sopravvissuto al disastro del Vajont, e ti ricordi di un militare da cui non volevi più staccarti, che ti ha portato all'ospedale di Belluno, ti prego, contattami scrivendo a redazioneiene@mediaset.it. Devo solo portarti l'abbraccio di mio padre, che ha pensato a te tutta la vita”.

dopo il nostro servizio
Siamo tornati a parlare con Sergio Bramini, l’imprenditore fallito e sfrattato nonostante vantasse 4 milioni di crediti mai pagati dallo Stato, ora consulente del governo. Con Alessandro De Giuseppe abbiamo affrontato anche il caso della Dusty srl, che aveva 17 milioni di questi crediti. Il giorno dopo quest’azienda è stata salvata

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.