>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News | di GOLIA |

Dj Fabo, il pm: “Assolvete Marco Cappato”

Il leader radicale “non ha rafforzato il proposito di morire di Dj Fabo, ma ha rispettato la sua volontà”

È stata una battaglia non solo sul piano legale, ma anche su quello umano, che ha visto in prima linea anche noi delle Iene. E, almeno a livello processuale, il lieto fine sembra vicino.

La procura di Milano ha chiesto l'assoluzione per Marco Cappato, imputato di aiuto al suicidio per aver accompagnato Fabiano Antoniani, in arte Dj Fabo, nella clinica Dignitas in Svizzera per porre fine alle sue sofferenze il 27 febbraio 2017. In subordine, si chiede l'eventuale invio degli atti alla Corte Costituzionale.

Per il pm Sara Arduini, il leader radicale “non ha rafforzato il proposito di suicidio di Fabiano Antoniani, ma ha piuttosto rispettato la sua volontà di morire e non c'è nessun dubbio sulla piena capacità di intendere e di volere di Fabiano”.

“La decisione era già stata presa da Fabiano prima ancora di entrare in contatto con Cappato. – spiega il pm –. Già a primavera 2016 la fidanzata di Fabiano aveva preso contatto con la clinica svizzera Dignitas, provvedendo al pagamento della quota associativa. Fabiano era così determinato nella sua scelta da intraprendere uno sciopero della fame e della parola. La sua decisione irreversibile è stata presa prima di conoscere Cappato”. Che, prosegue, “non ha svolto nessun ruolo nella fase esecutiva del suicidio” e “non ha avuto nessuna influenza sul proposito di Fabiano. Fino alla fine chiese a Fabiano se ci voleva ripensare”.

L'altro pm Tiziana Siciliano ha voluto ricordare di non essere per forza “l'accusa” e di rappresentare solo lo Stato, e quindi anche Marco Cappato, di cui è stata chiesta l'assoluzione.

Il 40enne Dj Fabo era rimasto cieco e tetraplegico dopo un incidente stradale. La sua volontà di ricorrere al suicidio assistito era emersa chiaramente anche nell'intervista della nostra Iena, Giulio Golia, che è stata proiettata integralmente in aula durante il processo.

Qui sotto le tappe della vicenda e il materiale raccolto dalla nostra Iena che documenta la sofferenza in cui viveva Dj Fabo.

Le tappe della vicenda

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.