>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Effetto serra, rischio 5 gradi in più: cosa possiamo fare tutti, subito

Uno studio lancia l’allarme: restare sotto l’aumento di 2 gradi, come previsto dagli accordi di Parigi, è difficile. Se non ci riusciamo, il riscaldamento globale può diventare irreversibile. Nadia Toffia ci spiega da dove può partire ognuno di noi per combattere questa battaglia. 

La nostra Terra sta diventando letteralmente una serra e stiamo correndo verso un aumento medio della temperatura di 5 gradi, insostenibile per la civiltà come la conosciamo. Lo sostiene uno studio svedese pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas), una rivista americana tra le più note e più autorevoli nel mondo.

La colpa è dell’uomo, che deve intervenire subito, cambiando modello di sviluppo. Potrebbe perfino essere troppo tardi. Per questo in basso vi riproponiamo il servizio di Nadia Toffa “Come inquinare meno e vivere felici”.  

Secondo lo studio, sarà difficile contenere il riscaldamento globale entro i 2 gradi centigradi rispetto all'epoca preindustriale, come previsto dagli accordi di Parigi sul clima del dicembre 2015 firmati da 190 Paesi (anche se poi gli Stati Uniti di Trump, che inquinano più di tutti, si sono sfilati). Se non ci riusciamo rischiamo un effetto domino, in cui danno innesca nuovo danno, impossibile da frenare, verso una media globale di aumento di 4-5 gradi sopra i livelli preindustriali.

In pratica l’effetto serra a questi livelli potrebbe tradursi in un innalzamento del livello dei mari da 10 a 60 metri. New York, ma anche Roma e Venezia finirebbero sott'acqua. Aumenterebbero anche i periodi di siccità, colpendo ancora di più l’agricoltura e provocando migrazioni di massa.

I deserti avanzerebbero ancora, mangiandosi altri terreni coltivabili, i ghiacciai delle montagne sarebbero a rischio scioglimento come, soprattutto, d’estate, quelli dei Poli, facendo innalzare ulteriormente gli oceani. Se la foresta amazzonica poi diventerà al massimo una savana (come potrebbe accadere anche alle foreste del Nord America), non avremo più un prezioso alleato nell’assorbimento di anidride carbonica, una delle cause principali dell’effetto serra.

Sperando di non aver già passato il punto di non ritorno, bisogna agire subito contro il riscaldamento globale, ribadisce lo studio. "Evitare di superare questa soglia è un obiettivo che può essere raggiunto e mantenuto solo da uno sforzo coordinato e deciso da parte delle società umane per gestire la nostra relazione con il resto del Sistema Terra".

Tocca soprattutto ai governi, è chiaro, ma non solo, in tema di scelte energetiche, emissioni di gas serra e sviluppo sostenibile. Ecco qui sotto, nel servizio di Nadia Toffa cosa possiamo fare tutti, subito (contribuendo molto), contro inquinamento ed effetto serra, partendo da una semplice ciliegia. 
 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.