>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News | di ROMA |

Filippo Roma non ci sta: “Ma perché ve la prendete con chi ha raccontato la presa per il culo?”

La Iena risponde ad alcuni commenti (e minacce) di sedicenti sostenitori M5S. “Incazzatevi con chi vi ha preso per il culo!”

“Sono giorni che vengo subissato da messaggi di attivisti e simpatizzanti del Movimento 5 Stelle carichi di odio nei miei confronti. C'è chi la sera, prima di addormentarsi, prega affinché io muoia.” Filippo Roma è intervenuto così ieri sul suo profilo Facebook. Ha aspettato qualche giorno prima di rivolgersi a chi lo ha attaccato in seguito alla pubblicazione dell'inchiesta sulle mancate restituzioni di parte dello stipendio dei parlamentari del Movimento 5 Stelle. Un'inchiesta che ha portato il candidato premier dei Cinque stelle Luigi Di Maio a sospendere diversi parlamentari dal Movimento, e che ha fatto il giro del mondo. Ma che ha scatenato anche commenti davvero spiacevoli, talvolta ingiuriosi e gratuitamente offensivi, arrivati anche sulla pagina Facebook de Le Iene, da parte di alcuni sedicenti sostenitori del Movimento.

“Fai pena verme”, oppure “spero che tu muoia di fame…te e tutta la tua razzaccia”, sono solo alcuni degli insulti vergognosi che si possono leggere sul profilo Facebook della Iena. Filippo Roma seraficamente dice di non essere “il tipo che se la prende”, tuttavia vuole fare chiarezza su tutte le accuse mosse nei suoi confronti. “Ma perché anziché incazzarvi con chi vi ha preso per il culo, ve la prendete con colui che ha raccontato la presa per il culo? Poi: il primo che ci ha ringraziato per aver fatto questa inchiesta è stato proprio il candidato Premier Luigi Di Maio”, scrive rivolgendosi ad alcuni simpatizzanti Cinque stelle che sono arrivati anche a formulare delle vere e proprie minacce. Tipo: “Filippo roma ti riempio di botte se t azzardi a fare altre interviste ai 5s”. E ancora: “Filippo cammina con la camera che se ti vedo al buio…”.

A chi lo accusa di non aver mai indagato su Matteo Renzi risponde dicendo di aver “perseguitato” per anni l'ex Premier perché non aggiornava il Nomenclatore Tariffario e il Pd per aver affossato al Senato la legge Richetti, che avrebbe abolito i vitalizi. Sostenendo così una battaglia in quel caso cara ai Cinque stelle. A chi lo attacca per non essersi occupato di Berlusconi invece risponde: “Cosa dovrei andargli a dire? Tutto ciò che riguarda Berlusconi è arcinoto, perché si tratta di cronaca, fatti raccontati nel tempo dagli organi di stampa.”

Per fortuna, dopo il post della nostra Iena, in tanti hanno condannato l'ondata di insulti dei giorni scorsi. Nei commenti sono apparsi molti messaggi di solidarietà, come questo: “Ciao Filippo sono un estimatore del movimento 5 stelle (e delle iene) ma credimi io ti sto scrivendo x ringraziarti x il tuo operato, tuo, e delle iene tutte, non far caso agli imbecilli, quelli purtroppo ci saranno sempre, continuate con il vostro operato a dar voce dove nessun altro ha il coraggio di osare...... chi sbaglia è giusto che paghi che sia del movimento o qualsiasi altra forma politica…”

L’addio alle vittime, salite a 43, del crollo del Ponte Morandi dell’autostrada A10 tra applausi per Mattarella, governo e soccorritori (e fischi per i politici Pd). La società gestita dai Benetton si scusa perché percepita come distante ma non si assume la responsabilità della strage. L’esecutivo: via la concessione. Video e foto raccontano la tragedia 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.