>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News | di ROMA |

Filippo Roma non rivelerà la fonte dell'inchiesta sui brogli sul voto all'estero

La richiesta oggi dalla Digos. Ieri la Iena è stata sentita dalla Questura di Roma

Filippo Roma è stato sentito ieri dal vice questore di Roma Catello Somma e ha tutta l'intenzione di collaborare con le forze dell'ordine per aiutare gli inquirenti in merito alla sua inchiesta sui brogli elettorali in Germania. Tuttavia, la Iena non potrà in alcun modo rivelare la sua fonte, come invece richiesto dalla Digos.

Quello andato in onda domenica era il quinto servizio sui brogli sul voto all'estero a firma di Filippo Roma (li potete vedere tutti qui sotto), in cui mostravamo anche con un filmato esclusivo la compravendita di 3.000 voti a Colonia, in Germania. L'inchiesta è stata portata avanti grazie alle preziose informazioni svelate da una fonte, che ha collaborato a patto che fosse garantito l'assoluto anonimato. Oggi la Digos ha chiesto a Filippo Roma di ottenere il girato originale dei filmati sui brogli elettorali in Germania e di svelare l'identità della fonte. Una richiesta che la Iena non potrà in alcun modo accogliere proprio per non venire meno al patto con la sua fonte. Fermo restando la collaborazione con le forze dell'ordine su qualunque altra informazione possa essere utile ai magistrati.

È di ieri la notizia che la Procura di Roma ha aperto un'indagine su presunti brogli avvenuti nel voto degli italiani in Canada e in genere nella circoscrizione America Settentrionale e Centrale. Nel fascicolo dovrebbero entrare una serie di segnalazioni giunte da diverse sedi diplomatiche su presunte irregolarità nella circoscrizione Europa e in particolare la vicenda che abbiamo denunciato in tv sul voto degli italiani in Germania (tocca alla Digos acquisire i filmati e stilare un'informativa). Al momento non ci sono indagati né ipotesi di reato. Vi terremo aggiornati sugli sviluppi di questa vicenda.

Qui sotto potete vedere l'ultimo serviozio sui presunti brogli nel voto all'estero andato in onda domenica e gli altri quattro che avevamo trasmesso in precedenza.

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.