>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Giovinco dopo il ritorno in azzurro nei guai con gli strozzini | VIDEO

Non c'è tempo per festeggiare il ritorno in Nazionale che il calciatore Sebastian Giovinco finisce vittima di uno scherzo di Sebastian Gazzarrini

Sebastian Giovinco finisce nei guai e si ritrova gli strozzini a casa. A pochi giorni dal suo ritorno in Nazionale, il calciatore si è ritrovato a dover far fronte ai problemi economici del fratello. In realtà è stato tutto uno scherzo architettato da Le Iene e dal nostro Sebastian Gazzarrini.

La “formica atomica” ha appena concluso il campionato canadese e al suo rientro in Italia organizza un pranzo con un amico, nostro complice.

Durante il tragitto il fratello Giuseppe lo chiama per chiedergli aiuto. “Ho un problema di soldi, ma adesso lo risolvo”, sono le poche parole che gli dice per rassicurarlo. Ma subito dopo è la moglie a chiamarlo veramente allarmata. “Torna a casa subito, ci sono due che stanno toccando le tue cose assieme a tuo fratello. Si deve essere infilato in un qualche casino!”.

Arriva a casa si ritrova la coppia di strozzini che ha già messo le mani sulla sua collezioni di vini, sui trofei e perfino sugli abiti di sua moglie. Presente c’è il fratello Giuseppe che si prende una valanga di insulti dal calciatore. L’apice della crudeltà si raggiunge, quando gli strozzini scappano con l’auto di Giovinco. Ma dopo pochi minuti compaiono le telecamere de Le Iene!

La pista dei festini gay, l'omertà del paese di Goro, le testimonianze inedite, il cerchio che si stringe sul nome dell'assassino e la svolta della Procura con uno o più indagati per l'omicidio di un ragazzo di 18 anni con problemi mentali. Ecco tutta l'inchiesta di Antonino Monteleone e Riccardo Spagnoli, a un passo dalla verità dopo 31 anni

L'ultima puntata

I SERVIZI DELL'ULTIMA PUNTATA

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.