>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Da Googol a Google, i 20 anni del motore di ricerca più cliccato del web

Il 4 settembre 1998 è nato ufficialmente Google, oggi è il primo motore di ricerca del web. Ma attenzione alle fake news soprattutto se c’è lo zampino de Le Iene come nello scherzo di Nic Bello fatto ai cantanti di Sanremo

Venti anni fa nasceva Google. Era il 4 settembre 1998, quando Larry Page e Sergey Brin hanno depositato il dominio di quello che oggi è il primo motore di ricerca del web. Milioni di persone ogni giorno si affidano a lui per avere una risposta. E anche noi stessi possiamo chiedergli che cosa vogliono sapere le persone su di noi. Lo fanno i vip, ma attenzione che prima non siano passate Le Iene come successo qualche tempo fa con lo scherzo #fakegoogle.

Inizialmente è stato utilizzato il nome Googol, termine coniato per riferirsi al numero rappresentato da 1 seguito da 100 zeri. Il compleanno del motore di ricerca cade il 27 settembre, giorno in cui Google ha raggiunto il record di contenuti indicizzati.

Dapprima il valore erano i contenuti che creavano ricerca, poi si è scoperto essere la pubblicità. Oggi Google ha un giro d’affari da 110 miliardi di dollari. E offre servizi dalle mail alle mappe, dalle news allo shopping fino a Google Yourself, un formato americano in cui le celebrità inseriscono il loro nome per sapere che cosa la gente vuole sapere di loro.

Proprio da questo servizio è partito l’esperimento fatto da Le Iene andato in onda l’11 febbraio 2018. Il nostro Nic Bello ha alterato un tablet, sostituendo le prime parole che compaiono nelle ricerche accanto ai nomi dei protagonisti di Sanremo. Con risultati parecchio imbarazzanti. Al posto di Peppe Vessicchio sanremo abbiamo inserito Peppe Vessicchio superdotato.

Armati del nostro finto Google siamo andati al festival per chiedere ad alcuni artisti di googlarsi. Si inizia con le parole più ricercate come Peppe Vessicchio senza barba per passare a Shade rapper fino ad Annalisa fidanzato. Poi entra in azione il nostro finto motore di ricerca con le #fakegoogle. La prima ricerca fake è quella su “Mario Luzzato Fegiz dentiera”, poi è la volta di “Ron parrucchino” e “Shade terzo capezzolo”. Per Annalisa invece il nostro Google suggerisce che “limona con sconosciuti” e “Rocco Papaleo ha un solo testicolo”.

Guarda qui sotto il servizio completo di Nic Bello sullo scherzo #fakegoogle

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.