>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News | di Francesco Boz |

Una vita da incubo: "Un attacco di panico che dura ogni secondo della giornata" | VIDEO

Alessandro soffre di disturbo ossessivo compulsivo. Da anni combatte contro i suoi pensieri, come la paura di fare del male a se stesso o ai suoi cari. E oggi dice: "la malattia si può sconfiggere"

Quando incrocio lo sguardo di un uomo, temo di diventare omosessuale”. Questa è solo una delle tante ossessioni di cui soffre Alessandro Dagnino e che ci ha voluto raccontare, per condividere con altri la sua patologia.

Alessandro è un ragazzo di 29 anni che dal 2009 combatte contro il disturbo ossessivo compulsivo (doc). I sintomi di cui soffre sono quasi esclusivamente ossessioni. “Sono pensieri che provocano un’ansia insostenibile, più cerchi di combatterli e più diventano enormi. Chi ne soffre si isola perché ha paura di svelarle agli altri”.

Per questo Alessandro ha deciso di raccontarci la sua vita. Vuole lanciare un messaggio a chi soffre del suo stesso disturbo, “non siete soli. Il doc si può vincere”.

I primi accenni di malattia risalgono alla sua infanzia, “quando salivo le scale evitavo di calpestare il settimo gradino, temevo che se l’avessi fatto sarebbero successe cose terribili. Mi sembrava un pensiero normale”.

Attorno ai vent’anni le sue ossessioni sono esplose e la vita di Alessandro è diventata un incubo, che lui descrive come un “attacco di panico che dura ogni singolo secondo della giornata”.

Alessandro ora sta meglio, ha una fidanzata e un lavoro. “Sono la prova che anche con il doc si può avere una vita normale. A volte ci sono delle ricadute, ma ho imparato a gestirle”.
 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.