>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Giornata dei diritti dei bambini: i piccoli soldati delle Farc | VIDEO

Il 20 novembre si ricorda l'adozione della Convenzione Onu sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. Ma nel mondo sono ancora tanti a non avere diritti, come i bambini soldato delle Farc incontrati da Giulio Golia

Essere bambini è un diritto. Soprattutto oggi, 20 novembre, la “Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”.

Una celebrazione importante, che prende spunto da quel giorno del 1989 in cui l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottò la “Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”.

La convenzione, che riguarda tutti i minorenni da 0 a 18 anni, ha nell’articolo 2 uno dei punti fondanti: questi diritti inviolabili spettano a ogni bambino e ragazzo, “senza distinzione di sorta e a prescindere da ogni considerazione di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o altra del fanciullo o dei suoi genitori o rappresentanti legali, dalla loro origine nazionale, etnica o sociale, dalla loro situazione finanziaria, dalla loro incapacità, dalla loro nascita o da ogni altra circostanza”.

Un principio tanto ovvio quanto disatteso ancora oggi, in alcune parti del mondo. E Le Iene con Giulio Golia avevano incontrato i bambini soldato colombiani che hanno fatto parte delle Farc (le Forze armate rivoluzionarie della Colombia, per oltre 50 anni in lotta contro lo stato). Bambini costretti a trascorrere la propria infanzia e la propria adolescenza tra imboscate, omicidi e violenze brutali, da ambo le parti. E insieme ad alcuni arruolatisi volontari, erano moltissimi quelli costretti ad imbracciare le armi, sotto la minaccia di veder uccisa la propria famiglia. E oggi, soprattutto ai tanti bambini soldato ancora in attività, è dedicata più che mai la “Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”.

Guarda qui sotto il servizio di Giulio Golia, che ha intervistato i bambini soldato colombiani.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.