>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

“Perché non mandano me a insegnare a Pantelleria se gli altri non ci vogliono andare?”

La richiesta di Emanuela, che insegna alle elementari a Milano da tanti anni, è semplice e aiuterebbe i bambini di Pantelleria

Sono una docente che adora insegnare e lavorare. Mi sono ritrovata in vacanza a Pantelleria anni fa e mi sono “innamorata” di questa terra al punto da cercare anche casa. Sono sposata e senza figli e mio marito ha un’attività in proprio, per cui ho pensato di chiedere il trasferimento a Pantelleria e avere la possibilità di cambiare vita”.

Così ha scritto Emanuela al Prefetto di Trapani, raccontando di un desiderio che persegue ormai da anni: poter insegnare a Pantelleria. Un sogno che non riguarda solo lei, ma anche i bambini della scuola primaria dell’isola, per cui avere insegnanti di ruolo significherebbe finalmente un po’ di stabilità e continuità nelle lezioni.

Emanuela ha 54 anni: “Se non mi trasferisco ora da Milano, dove vivo e insegno, a Pantelleria, quando lo faccio?”, ci dice quando la contattiamo al telefono. Ma il sogno di cambiare vita sembra pieno di ostacoli, come ha scritto nella lettera al Prefetto: “nonostante i miei anni di carriera e le mie esperienze lavorative, che mi hanno permesso di avere il punteggio alto, e nonostante ci siano posti disponibili (un posto comune, tre di sostegno, uno di lingua) NON HO MAI OTTENUTO il trasferimento né mi è possibile chiedere l'assegnazione provvisoria perché non ho parenti sull’isola né priorità”.

Da tanti anni ormai Emanuela fa domanda di trasferimento al Provveditorato di Trapani, ricevendo sempre la stessa risposta: “dicono di aver erroneamente assunto dei docenti di scuola primaria in esubero nella provincia di Trapani e quindi i soprannumerari mi precedono sempre, anche se con un punteggio inferiore”. “Per carità, è previsto dalla normativa”, aggiunge Emanuela. “Ma io ci ho parlato con gli insegnanti assegnati d’ufficio a Pantelleria: loro non ci vogliono andare”. Quindi, ci spiega, “vengono trasferiti in altre scuole, ma la cattedra di fatto resta assegnata a loro. Così, per un anno, non possono essere presi altri insegnanti di ruolo per quella cattedra. L’unica soluzione è coprire il posto con dei supplenti”.

Così, i bambini si trovano a passare l’anno scolastico cambiando una supplente dopo l’altra, con tutti i ritardi che questo comporta nell’insegnamento. “Chi ci va di mezzo sono i bambini”, spiega Emanuela. La domanda che lei, insegnante dal 1986, fa al Prefetto è semplice: “Dovrà essere tenuto in considerazione il fatto che alcuni docenti non vogliono insegnare a Pantelleria ed altri non vedono l’ora di poter svolgere questo lavoro lì? La mia presenza non risolverà tutti i problemi, ma credo che lavorare con piacere sia molto importante per tutti e soprattutto per i bambini che dovrebbero avere la stessa opportunità e continuità educativa a Milano come a Pantelleria, non Le pare?”.

Il problema dell’istruzione nelle isole non riguarda solo Pantelleria. Nella puntata di domenica vi abbiamo parlato di Alicudi, l’isola delle Eolie dove abitano i tre bambini felici incontrati da Nina. Ma anche qui la scuola arranca, tra maestre di ruolo che non vogliono lavorare sull’isola e supplenti che si susseguono durante l’anno scolastico.

Non si può trovare una soluzione che renda felici tutti? Emanuela, che sogna di cambiare vita, ma anche, e soprattutto, i bambini di Pantelleria, che su quei banchi dovranno passare anni fondamentali per il loro futuro.  

Perché, come ribadisce Emanuela al telefono: “è evidente che mandare gli insegnanti soprannumerari nelle isole vicino Trapani, dove non vogliono andare, non risolve nulla. E una norma che non è efficace e non soddisfa nessuno andrebbe cambiata”.

 

dopo il nostro servizio
Noi lo conoscevamo col nome di Francesco Giovannelli, protagonista del servizio di Alessandro Di Sarno su casting per pubblicità mai esistiti in cui misurava alle vittime perfino le parti intime. Dopo le vostre segnalazioni, abbiamo scoperto che il suo vero nome è Francesco Nassi, il piromane incubo di Firenze nel 2008 e non solo

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.