>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Prof bocciata e con cattedra a Medicina: il caso arriva in Parlamento | VIDEO

Presentata al Senato, il giorno dopo il servizio di Antonino Monteleone, un’interrogazione urgente al ministro per l’Università Bussetti sul caso
 

Dopo il servizio di Antonino Monteleone di ieri, martedì 5 dicembre, sul caso della professoressa universitaria di Catanzaro bocciata all’abilitazione ma che continua a insegnare all’Università (Reumatologia a Medicina), interviene la senatrice M5S Bianca Laura Granato, segretaria della commissione Istruzione pubblica e Beni culturali.

La senatrice Granato ha presentato un'interrogazione al ministro dell'Università, Marco Bussetti, chiedendo un approfondimento urgente sul caso di Rosa Daniela Grembiale, di cui vi parliamo nel servizio che vi riproponiamo integralmente qui sotto.

“La vicenda appare gravissima”, sostiene la senatrice. “Mi fa bollire il sangue che il ricercatore calabrese Francesco Ursini sia stato costretto ad andarsene all'Università di Ferrara, pur avendo l'abilitazione come professore associato di Reumatologia. La Procura di Catanzaro è già stata investita, perciò le istituzioni di competenza accerteranno i fatti e le eventuali responsabilità”.

Nel nostro servizio avevamo raccontato l’incredibile vicenda di questa docente, bocciata all'Abilitazione scientifica nazionale come professore associato di Reumatologia, ma ancora docente presso l'ateneo di Catanzaro.

Una vicenda che era partita dal racconto di Francesco Ursini, un ragazzo calabrese che ha studiato nella sua terra e che lì ha concentrato tutta la sua attività di ricerca sulla Reumatologia (fino a venire abilitato per il titolo di professore di seconda fascia in questa materia). E in Calabria Francesco sarebbe anche rimasto a lavorare, ma il lavoro a cui puntava è stato dato a una ricercatrice rivale, Rosa Grembiale appunto. 

Anche lei aveva concentrato la sua attività di ricerca sulla Reumatologia: peccato però che non era stata abilitata al titolo di professore di seconda fascia.

La commissione dell’abilitazione scientifica nazionale l’aveva bocciata perché non aveva i titoli per insegnare quella materia. Nessun problema per lei, perché aveva potuto continuare a insegnare (a danno dello stesso Francesco) grazie a un provvedimento del rettore, che l’aveva inquadrata come “professore associato” di Reumatologia.

Una cattedra dunque senza alcun concorso, e per la quale era bastato il provvedimento del rettore.

Lo stesso rettore, intervistato da Antonino Monteleone, aveva risposto che non poteva fare altro.

La senatrice Cinque Stelle, nel presentare l’interrogazione parlamentare sostiene che “il servizio televisivo ha documentato che l'interessata ha inserito pubblicazioni uguali per ben due volte nella stessa domanda per l'abilitazione e, in merito invece al concorso come professore ordinario di Scienze infermieristiche, addirittura lavori scientifici che sarebbero di altri e non di Grembiale”.

Insomma, un pasticciaccio che non poteva passare inosservato, soprattutto alle nostre telecamere.

Guarda qui sotto tutto il servizio di Antonino Monteleone.

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.