>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Io, marocchino querelato da Salvini

Soufiane Malouni ha paragonato il segretario della Lega a Hitler. E ora rischia grosso

 

 

 

“Ho solo confrontato due ideologie”, “Non ho mai mai detto che Salvini è uguale a Hitler”. Il blogger marocchino Soufiane Malouni, che abbiamo intervistato via Skype, attenua un po’ i toni ma resta fermo nelle sue idee.

Matteo Salvini l’ha querelato per il post su Facebook, che vedete qui sotto, in cui paragonava le politiche del dittatore nazista a quelle del segretario della Lega. Lui, dice, l’ha fatto per combattere le politiche contro le minoranze etniche, perché non succeda “nemmeno lo 0, 001% di quello che è successo con Hitler”.

 

 

 

 

Il paragone nel post c’è, eccome. Fatto sta che Soufiane, 28 anni, operaio “nullatenente” a Firenze, si trova, aiutato dall’avvocato Mattia Alfano, contro “un gigante” come Salvini.

La storia processuale nasce con il suo post del 2015. Attraverso vari passaggi, partiti da Trento, ora si è arrivati all’avviso di conclusione delle indagini da parte della procura di Spoleto. Archiviazione o processo?

Soufiane punta, come controreplica, sulle 140 pagine di commenti, che ha raccolto sulla pagina Facebook del leader leghista, inneggianti a Hitler, a Mussolini e al ritorno di forni e camere a gas.

Noi ci siamo rivolti a Salvini per capirne di più. Clicca qui per leggere e ascoltare l'intervista al segretario leghista: "Hiltler Mai! Ma se il blogger si scusa..." .

Magari una pace tra i due è possibile (visto che entrambi con noi sembrano dispèosti a correggere il tiro)?

 

esclusiva web

L’associazione L214 ha filmato un gruppo di mucche a cui è stato installato una sorta di incredibile oblò sullo stomaco, per monitorarne la digestione. “Serve anche per migliorare il prodotto alimentare” che forniscono. Che sia questa la vera ragione di una tecnica diffusa anche in Svizzera, Canada e Stati Uniti? L214 ha annunciato che presenterà una denuncia per maltrattamenti

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.