>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News | di TRINCIA |

L'arresto di Puidgemont riaccende lo scontro sull'indipendenza della Catalogna

Ecco cosa è successo e cosa potrebbe succedere, spiegato attraverso anche un servizio de Le Iene

L'arresto in Germania di Charles Puidgemont, ex presidente della Catalogna riaccende le tensioni e gli scontri a Barcellona. Puidgemont il 1° ottobre 2017 aveva indetto un referendum per indipendenza catalana che avevano raccontato in un servizio di Pablo Trincia.

Dopo la vittoria del sì e la sua proclamazione dell'autonomia della Catalogna, contestata da Madrid, Puidgemont era riparato in Belgio perché la Spagna aveva emesso un mandato di cattura internazionale nei suoi confronti. Proprio sulla base di questo è stato arrestato ieri in Germania, pare che con l'aiuto dei servizi segreti spagnoli. Immediate le proteste e i disordini in Catalogna, con 87 feriti solo a Barcellona.

Il 21 dicembre alle elezioni catalane, proclamate di nuovo da Madrid, avevano rivinto lo schieramento indipendentista. L'arresto di Puidgemont rischia di far risalire a livelli altissimi la tensione.

Per capire meglio di cosa stiamo parlando e le posizioni in campo, vi riproponiamo qui sotto il nostro servizio sul referendum del 5 ottobre. Che chiarisce le posizioni in campo, partendo dalle opinioni di Jean e Marta, ventenni su fronti opposti, l'oggetto del contendere, la passioni e gli interessi e perché l'indipendenza o meno della Catalogna è una questione che riguarda tutti noi europei.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.