>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News | di NINA |

La madre adottiva: “Che tuffo al cuore sentire Sandy chiamare ‘mamma' un'altra donna”

In due servizi di Nina Palmieri abbiamo ricostruito un legame dopo 29 anni. Abbiamo parlato anche con Pasqualina

“Lo ammetto: quando ho sentito uscire dalla bocca di Sandy la parola ‘mamma', e non si rivolgeva a me, mi sono sentita un po' male. Ma non in senso cattivo. È solo che avevo sentito chiamare ‘mamma' solo me”. Anche per Pasqualina, 64 anni, mamma adottiva di Sandy, le ultime settimane sono state intense.

Abbiamo seguito, felici anche noi per il lieto fine, la storia di Sandy e sua madre naturale, Stephanie, riuniti dopo 29 anni grazie all'appello e al servizio di Nina Palmieri del 14 marzo, nel primo servizio dedicato a questa storia. Una storia bellissima, che abbiamo voluto vivere anche dal punto di vista di Pasqualina, che dopo tanti anni ha visto per la prima volta la donna che ha messo al mondo Sandy. “Vederla in televisione è stata una mazzata”. Ma di nuovo si corregge subito: “Non in senso cattivo. È solo che è successo all'improvviso. Non ero pronta”.

È stato Sandy, la sera del 14 marzo, a chiamarla per dirle di accendere la tv. Quando ha visto che nel servizio di Nina c'era una donna francese che cercava suo figlio, ha capito che si trattava di lui: “Gli ho detto di chiamarvi subito. Lui doveva conoscerla. Doveva chiudere il cerchio”.

Avrebbe preferito che Stephanie non tornasse a cercare il figlio? “È stato molto meglio così”, risponde decisa. “Ho sempre detto a Sandy che l'avrei aiutato se avesse voluto conoscere sua madre. Io di Stephanie sapevo solo che era francese. Non sapevo nemmeno se era viva. Non me l'ero mai immaginata. So solo che non l'ho mai giudicata. Anzi, io e mio marito l'abbiamo sempre ringraziata per aver messo al mondo Sandy”.

Vedere il proprio figlio che, dopo 29 anni, abbraccia sua madre naturale, è qualcosa che colpisce anche i genitori che hanno cresciuto quel ragazzo. “Una di queste sere ho chiamato Sandy e gli ho chiesto se mi voleva ancora bene”, racconta ridendo. Ma Pasqualina è tranquilla, anzi, più felice di prima perché “ora Sandy ha due mamme e una sorella!”. “Quando io e Stephanie ci siamo viste per la prima volta, lei mi ha ringraziato per averlo cresciuto, io l'ho fatto per avergli dato la vita. E devo ringraziare tantissimo anche voi de Le Iene. Ora penso a Stephanie come a una sorella. Siamo tutti una famiglia”.

GUARDA QUI SOTTO IL SERVIZIO DI NINA CON IL PRIMO ABBRACCIO TRA SANDY E SUA MADRE NATURALE

GUARDA QUI SOTTO IL SERVIZIO DI NINA IN CUI TUTTO E' COMINCIATO

L’addio alle vittime, salite a 43, del crollo del Ponte Morandi dell’autostrada A10 tra applausi per Mattarella, governo e soccorritori (e fischi per i politici Pd). La società gestita dai Benetton si scusa perché percepita come distante ma non si assume la responsabilità della strage. L’esecutivo: via la concessione. Video e foto raccontano la tragedia 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.