>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Una nuova chance per Salvatore: da ladro a operaio grazie anche a Le Iene

Era finito (parecchio) nei guai per un borseggio sui bus di Palermo, oggi Salvatore ha iniziato un nuovo capitolo della sua vita, con un lavoro, dopo l'appello lanciato nel nostro servizio

“Anch’io voglio fare il padre dignitoso dando un’infanzia felice ai miei figli, quella che io non ho mai avuto”. Ci aveva lasciato con questo augurio, Salvatore. Il “ladro spocchioso” come lo avevamo ribattezzato nel nostro servizio. Pronto a voltare pagina per lasciarsi alle spalle quel brutto capitolo della sua vita e iniziarne uno nuovo, che finalmente oggi è iniziato con un lavoro.

Appena 23enne e già padre di due figli, ha raggiunto il suo obiettivo anche grazie a Le Iene che lo hanno aiutato. Sono lontani i tempi in cui sui mezzi pubblici di Palermo era stata appesa la sua foto con un messaggio ben chiaro: “Non ti vogliamo sui nostri autobus”. Tutto aveva avuto inizio da un borseggio di Salvatore: 70 euro sfilati da una borsetta.

“Ho patteggiato la pena di un anno e tre mesi perché ho sbagliato”. Riconosce il suo errore e da quel giorno ha la forza di rialzarsi e ricominciare. “Non ce l’ho nel dna l’essere un ladro. Io non ho avuto una guida perché mio papà è morto quando avevo appena sei anni”, ha raccontato al nostro Fabio Agnello nel servizio andato in onda il 26 aprile scorso

Salvatore ci ha detto che voleva ripartire con la ricerca di un lavoro per dare un futuro ai suoi figli: “Quattro anni fa, quando è nata la mia primogenita, lavoravo come cartongessista”. Sono gli anni della crisi dell’edilizia, la ditta chiude: non gli resta altro da fare, dice, che andare a rubare. Fino all’ultimo borseggio su un autobus in cui è stato arrestato dalla polizia.

Salvatore si è poi trasferito a Milano, ospite dai genitori della sua compagna. Abbiamo lanciato un appello per aiutarlo, l’aiuto è arrivato: ha appena trovato un lavoro. “Ho trovato un impiego come operaio per le pulizie industriali, è il primo lavoro in cui sono assunto regolarmente: sono felice, non mi sento più un reietto”, ci dice al telefono. E, nonostante si tratti di un part time con una paga molto bassa, Salvatore ha voluto condividere la sua gioia anche con noi.

Guarda qui sotto il servizio completo di Fabio Agnello con la storia di Salvatore.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.