>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News | di VIVIANI |

Maltrattamenti sui minori in una casa famiglia, il sindaco: “Aumenterò i controlli”. Per ora nessuno è intervenuto

Nel servizio di Matteo Viviani abbiamo raccontato di urla, schiaffi e scarsa igiene a cui sarebbero stati sottoposti i bambini della struttura “Il Sorriso”

“Aumenterò i controlli nella casa famiglia ‘Il Sorriso’ per verificare come stanno esattamente le cose”. A parlare è il sindaco di Montiano, Fabio Molari, che abbiamo chiamato dopo la messa in onda del nostro servizio di domenica. La Iena Matteo Viviani, raccogliendo la testimonianza di Marcello, uno dei ragazzi ospiti della struttura, e esaminando le ispezioni ai locali effettuate dalla Procura, ha mostrato foto e registrazioni sulla situazione di scarsa igiene e, soprattutto, di maltrattamenti, tra urla e schiaffi, in cui i minori avrebbero vissuto nella casa famiglia gestita da Manuela e Pietro in provincia di Cesena.

“Io non sono un giudice. C’è già una denuncia e starà alla magistratura esprimersi”, si difende il sindaco quando gli chiediamo perché non è ancora intervenuto. I responsabili della struttura, infatti, sono stati rinviati a giudizio per i maltrattamenti verso i minori. Gli facciamo presente che, in attesa di una sentenza, sarebbe importante sospendere l’attività a tutela dei minori. “Come cultura personale, prima di far del male alle persone voglio stare molto attento”, replica. Altrettanto importante però è non fare male a dei bambini. E per ora, sono parole del sindaco, “nulla è cambiato”.

“La pubblica amministrazione, e in particolare il sindaco, potrebbe e dovrebbe revocare l’autorizzazione della struttura ad esercitare”, sostiene sempre al telefono l’avvocato di Marcello, Catia Pichierri. “Se al Comune viene segnalata una situazione del genere, il sindaco non deve aspettare l’esito del giudizio della magistratura per revocare l’autorizzazione. Ammaggior ragione perché il padre affidatario era stato già condannato nel 2006 per violenza privata aggravata. Di fronte all’inerzia del sindaco, mi auguro che intervenga almeno la Procura con una richiesta di sequestro preventiva della struttura in attesa di una sentenza”. Noi speriamo che qualcuno intervenga, al più presto. Come sempre, vi terremo aggiornati.

Guarda qui sotto il servizio di Matteo Viviani sulla casa famiglia “Il Sorriso”.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.