>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News | di TRINCIA |

Mariam, vittima delle bulle in Inghilterra. Pestata anche la sorella

Le Iene pubblicano in esclusiva la foto della sorella Mallak. La mamma: “l’ospedale la rimandò a casa”

 

 

“Alcune di quelle ragazze ad agosto avevano rotto la gamba di Mariam e riempito di pugni la sorella più piccola, Mallak, di 15 anni”. A parlare è Nasreen, la madre di Mariam Moustafa, la ragazza italiana morta dopo l’aggressione di una baby gang al femminile a Nottingham, in Inghilterra.

A dare la notizia dell'identità di Mariam sono state ieri, per prime, proprio Le Iene da questo sito. A raccogliere le dichiarazioni di Nasreen è ancora Pablo Trincia, che domenica mostrerà le testimonianze e nuovi elementi raccolti su questa terribile vicenda nel corso della puntata de Le Iene, in onda su Italia1. E quanto dichiarato dalla mamma è confermato anche dalla foto della sorella Mallak, che pubblichiamo qui in esclusiva. E la madre aggiunge un ulteriore particolare: “Una sera di una settimana fa hanno anche tirato delle uova contro la nostra porta di casa”.

Mariam Moustafa, ragazza italiana di origini egiziane, è morta mercoledì pomeriggio, dopo tre settimane di coma. Il 20 febbraio Mariam si trovava su un autobus a Nottingham quando un gruppo di ragazze l’ha aggredita a calci e pugni.

Dopo la scomparsa di Mariam la nostra Iena Pablo Trincia si è diretta a Nottingham per documentare le tappe della vicenda con un servizio che andrà in onda domani sera. Dove ha raccolto anche le testimonianze della mamma Nasreen: “Dopo l’aggressione sul bus Mariam è andata in ospedale a Nottingham, dove dopo diverse ore di attesa le hanno detto che poteva tornare a casa. Alle 2.30 siamo tornati in casa e lei è andata a dormire. Al mattino la sorella l’ha trovata boccheggiante su letto, completamente blu in volto e non riusciva a parlare”.

Mariam, 18 anni, di origini egiziane, nata in Italia e cresciuta a Ostia, si era trasferita Oltremanica con la famiglia da 4 anni. Il padre voleva farla studiare assieme alla sorella di 15 anni e al fratello di 12 nelle scuole inglesi. “Non voleva stare in Inghilterra, ha sempre sognato di tornare a Roma”, ci ha detto Nasreen.
 

Dopo l’uscita della notizia, la Procura di Roma ha aperto un fascicolo sulla morte di Mariam, in cui si ipotizza il reato di omicidio. Domani sera a Le Iene potrete vedere il servizio realizzato da Pablo Trincia, in cui verranno resi noti ulteriori dettagli di questa triste storia.

Click here for the English version.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.