>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Da MasterChef ai bambini africani: “Una cena per aiutare gli albini” | VIDEO

Dopo aver visto il servizio di Pablo Trincia sulle crudeltà atroci a cui sono sottoposte per superstizione le persone albine nell’Africa meridionale, Davide Aviano, concorrente di MasterChef 7, ha deciso di organizzare una cena di beneficenza cucinata da lui. Il ricavato andrà ai bambini albini della Tanzania.

“Il servizio di Pablo Trincia mi ha toccato nell’anima. Vedere la crudeltà di quello a cui sono sottoposti i bambini albini della Tanzania mi ha spinto a dare una mano”. Davide Aviano, concorrente di MasterChef 7, ha deciso di aiutare il centro di accoglienza per bambini albini della Tanzania “Sorelle della Divina Provvidenza” organizzando una cena cucinata da lui (aperta ma su prenotazione), il cui ricavato andrà in beneficenza ai piccoli.

Nel servizio di Pablo Trincia del 20 maggio vi abbiamo raccontato il dramma che vivono gli albini della Tanzania. Li abbiamo incontrati: ogni giorno devono combattere per restare vivi. Combattono non solo contro il sole, che per questa malattia genetica caratterizzata da assenza di melanina “è un assassino silenzioso”, ma contro chi vorrebbe farli a pezzi, letteralmente, portando via parti del loro corpo. 

“Le persone hanno iniziato a darci la caccia come animali selvaggi e a farci a pezzi”, raccontano. In Tanzania è diffusa infatti la credenza che le parti del corpo degli albini abbiano poteri magici. Abbiamo conosciuto i bambini del centro di accoglienza, portati lì da genitori o familiari per evitare che vengano uccisi o fatti a pezzi. Qui le suore, oltre a dar loro un tetto, da mangiare e un’istruzione, creano le basi per un’integrazione futura. 

“Il papà e la mamma hanno cercato di difenderla e sono morti, allora la nonna l’ha nascosta: il suo braccio poteva valere 700 euro”, racconta una suora a proposito di Maria, una bambina di 12 anni.

“Quando ho visto il servizio ho capito subito che dovevo dare una mano”, racconta Davide. “Così ho incontrato Nicoletta, gestore del centro, e mi sono offerto. Ma l’unica cosa che so fare è cucinare e così ho deciso di organizzare questa cena di beneficenza”. Una cena da Masterchef quindi. E il menù promette davvero bene!

“Partiremo con un antipasto a base di mozzarella, un risotto con cime di rapa, burrata e salsiccia di Bra. Avremo poi due secondi, una guancia di vitello di Fassona con una spuma di patate al parmigiano 36 mesi, un maialino da latte e come dolce una crostata scomposta. Il tutto verrà accompagnato da ottimi vini: non potete assolutamente mancare. Prenotate, vi aspetto!”.

La cena si terrà venerdì 16 novembre a Calestano, in provincia di Parma, presso “La Locanda nel Vento”. Chiunque volesse partecipare può prenotare e prendere tutte le informazioni chiamando il numero 3356621523 e aiutare così questi piccoli innocenti perseguitati in Tanzania. 

Guarda qui sotto il servizio di Pablo Trincia sui bambini albini della Tanzania. 

Attenzione!
La visione di questo video è vietata ai minori. Accedi per verificare i tuoi dati.Ci dispiace, la tua età non ti permette di accedere alla visione di questo contenuto.

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.