>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Ipertimesia, Giovanni: “Ricordo nel dettaglio tutta la mia vita” | VIDEO

Giovanni Gaio ha una super memoria che lo condanna a non dimenticare niente. Lo abbiamo messo alla prova

Il 26 giugno 2006 sono andato a fare la spesa, c’era la partita Italia-Australia, con gol di Totti sul rigore”. Giovanni Gaio non si ricorda questa data solo perché è appassionato di calcio, ma perché ha una sindrome particolare. “Si chiama sindrome ipertimesica, o memoria autobiografica superiore. Le persone come me tendono a ricordare nel dettaglio il resoconto della propria vita”.

Giovanni non usa il calendario, non ne ha bisogno. “Ogni giorno so cosa devo fare”, racconta. Del resto, anche andando indietro nel tempo, grazie a un “misto di memoria e calcolo” riesce a risalire al giorno della settimana di qualsiasi data. “Il 27 novembre del ’92 era un venerdì”, risponde tranquillo quando lo mettiamo alla prova.

Avere una memoria prodigiosa è senz’altro molto utile, ma può anche essere una vera e propria condanna: “Quando sono un po’ depresso ricordare tutto il passato è un fardello che mi porto dietro”. Giovanni ricorda anche le piccolezze, quelle cose a cui ormai, con la tecnologia, nessuno fa più caso. Come i numeri di telefono. Il numero da cui lo abbiamo chiamato la prima volta? Memorizzato in testa come se fosse quello del suo migliore amico.

Quando parla associa idee e ricordi, “visualizza” gli eventi del suo passato. Si sente un genio? “No, assolutamente”. Anche se al test per la sindrome ipertimesica a cui si è sottoposto un anno fa ha decisamente superato le sue stesse aspettative: “La psicologa mi ha detto che ricordo superiormente alla media e che potrei essere il primo in Italia con un punteggio così alto. In Italia le persone schedate con questa sindrome saranno una decina”, racconta.

Un dono come il mio può impressionare, può anche essere divertente per conoscere nuove persone”. Anche se questo dono, racconta, non lo aiuta molto con le donne: “Vorrei saper approcciare le ragazze. Mi manca proprio l’istinto del ‘bomber’. Vabbè, migliorerò”. Sarà, però con le sue ex, ci garantisce, non si è mai dimenticato un anniversario. E non è poco!

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.