>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Psicoterapeuta violentatore: l'azienda sanitaria non lo vuole più

L’azienda sanitaria di Mestre ha revocato la convenzione con Muhammad Abdulstar. Il medico psicoterapeuta è stato indagato per violenza sessuale sulle sue pazienti dopo il servizio della nostra Nina Palmieri

Dopo il servizio de Le Iene, (sopra ne vedete un estratto) la convenzione tra il medico Muhammad Abdulstar e l’Azienda sanitaria di Mestre era stata sospesa in misura cautelare. Ora è stata definitivamente revocata.

Il medico è indagato per presunta violenza sessuale in seguito a un rapporto avuto con una paziente nel suo studio. 

La revoca per Abdulstar è già arrivata perché il rapporto sessuale è stato sicuramente consumato nell’ambulatorio e questo viola il rapporto di fiducia tra medico e paziente. La magistratura sta accertando se, come sostiene la donna e l’ipotesi di reato, non sia stato consenziente.

Noi de Le Iene abbiamo parlato per primi quest’ anno di questa terribile storia. Sara, vittima per 10 anni dall'età di 7 degli abusi dal patrigno, racconta di aver chiesto aiuto al medico psicoterapeuta, che alla seconda seduta della terapia l’avrebbe penetrata.

Dopo la messa in onda molte altre donne ci hanno contattato per denunciare il comportamento di Muhammad Abdulstar. Sono testimonianze molto forti, raccolte nel secondo servizio che Nina ha fatto su questa vicenda.

Chi segue Le Iene sa bene che Nina nella sua carriera si è trovata davanti a storie e personaggi di ogni genere. La sua reazione alla fine del servizio però, non l’avevate mai vista prima!

Guardate qui sotto i due servizi completi.

 

Quinto appuntamento con l'inchiesta di Marco Occhipinti e Antonino Monteleone sul massacro di 4 persone del 2006 per cui sono stati condannati Olindo Romano e Rosa Bazzi: ecco perché la loro confessione potrebbe non essere una prova decisiva,. Domenica prossima l'intervista esclusiva a Olindo Romano in carcere, di cui qui vedete l'esordio

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.