>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

La prima partita internazionale di pallanuoto paralimpica grazie a voi! | VIDEO

Si è giocata a Palma di Maiorca un’importante amichevole di pallanuoto per disabili tra la Waterpolo Ability e l’Acquatics Sóller, un grande traguardo per la pallanuoto paralimpica internazionale grazie alla raccolta fondi partita da Le Iene

I ragazzi sono scesi in acqua con il coltello tra i denti, ma anche con tanta voglia di giocare e divertirsi, e così è stato”. Simona Pantaleone, presidente della Waterpolo Ability Lombardia, è entusiasta nel raccontarci la partita che la prima squadra italiana di pallanuoto per disabili ha giocato sabato scorso a Palma di Maiorca. “È un grandissimo passo avanti perché si è giocata la prima partita di pallanuoto paralimpica internazionale nella storia della pallanuoto. Anche se ancora si tratta di un’amichevole, è un pezzo di storia e lo stiamo disegnando noi”.

E noi de Le Iene siamo contenti di aver contribuito a questo momento, dando alla squadra la possibilità di giocare questa importante trasferta contro il club ospitante, l’Acquatics Sóller. La scorsa stagione abbiamo infatti regalato alla Waterpolo la maglietta del Manchester United che i nostri Stefano Corti e Alessandro Onnis erano riusciti a far firmare a Mourinho con dedica per Antonio Conte. La squadra l’aveva messa all’asta su Ebay per raccogliere i fondi per questa importante amichevole.

“È stata una partita assolutamente equilibrata ed è stato bellissimo vedere la volontà di questi ragazzi di essere atleti al 100%”. La squadra ospitante, racconta Simona, ha iniziato a giocare dopo aver visto il nostro servizio, con la Iena Cristiano Pasca, sulla Waterpolo Ability di Varese, che al tempo era l'unica squadra di pallanuoto per disabili al mondo. “Ci auguriamo che nei prossimi anni questo sport venga riconosciuto in tutto il mondo per diventare veramente uno sport paralimpico internazionale”.

Chi ha vinto? “I ragazzi della Waterpolo, ma è l’ultima cosa che ci interessa”, dice Simona. “Quello che conta è la motivazione di questi ragazzi e il percorso che stiamo intraprendendo per la pallanuoto paralimpica”.

Guarda qui sotto il servizio di Cristiano Pasca sui ragazzi disabili della pallanuoto.

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.