>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Pedofilia, Brescia: condannato a 9 anni il maestro di karate per abusi sulle allieve

Le Iene avevano raccolto, con Matteo Viviani, il racconto di una delle sue vittime, Giada

E' stato condannato a 9 anni e sei mesi con rito abbreviato Carmelo Cipriano, il maestro di karate di una palestra a Lonato del Garda, nel Bresciano. E' stato arrestato il 5 ottobre con l'accusa di aver abusato sessualmente di alcune delle sue allieve, tutte minorenni. L'accusa in aula era di prostituzione minorile, violenza su minore, detenzione di materiale pedopornografico e violenza sessuale di gruppo.

Noi de Le Iene, nel servizio di Matteo Viviani andato in onda il 5 novembre 2017, vi abbiamo raccontato la storia di una di queste ragazze: Giada. Oggi maggiorenne, ci aveva raccontato di essere stata molestata più volte dal suo allenatore quando lei aveva solo 12 anni.

“Ha saputo costruire grande fiducia sia con me che con la mia famiglia”, ci aveva raccontato Giada. Da un atteggiamento affettuoso, quasi paterno, sarebbe passato presto a un attaccamento morboso, fino ad arrivare agli abusi sessuali.

Un giorno, ci aveva raccontato Giada, il maestro riesce a costringerla a spingersi fino in fondo: “Mi ricordo la scena in cui io sono sdraiata per terra con le lacrime. Per me era orribile”. Poi, a 17 anni, la ragazza arriva al limite: “Mi procuravo tagli sulle braccia, mi picchiavo da sola”. Riesce ad opporsi al suo maestro, ma non riesce raccontare il suo incubo. Fino a un anno fa quando, tornando in palestra, avrebbe visto l'ex maestro uscire da uno stanzino con una ragazzina. “Ho detto: no! Allora per la prima volta sono riuscita a parlarne”.

Guarda qui sotto il servizio “Sesso con il maestro a 12 anni” di Matteo Viviani.

dopo il nostro servizio

Rita Bernardini denunciata per le piante di cannabis coltivate sul terrazzo di casa sua. La radicale, che si era già autodenunciata e da anni combatte per la legalizzazione della cannabis, sperava in un arresto per portare la questione al centro del dibattito pubblico: “Così si usano due pesi e due misure e la legge finisce per non essere uguale per tutti”

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.