>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Come ci rubano le foto da Facebook per le loro perversioni sessuali | VIDEO

Le immagini finiscono in gruppi chiusi per masturbazioni collettive. Ce ne parla questa sera Matteo Viviani a Le Iene dalle 21.20 su Italia1 

Immaginate che le vostre foto postate su Facebook (che come vi abbiamo mostrato la settimana scorsa si possono rubare facilmente), o su qualsiasi altro social, possano diventare oggetto di perversioni. È la nuova tendenza orribile di cui ci parla il nostro Matteo Viviani.

Abbiamo scoperto come le immagini possano finire in gruppi e circoli chiusi diventando oggetto di fantasie perverse dalla masturbazione fino allo stupro collettivo. Si tratterebbe di una sorta di variante del revenge porn. In questi gruppi gli utenti si masturbano continuamente come in una tribù, insultando le persone immortalate in foto assolutamente normali.

Non solo, si passano anche informazioni private come l’indirizzo di casa o il numero di telefono. E in alcuni casi si spingono fino ad incontrare le loro vittime ignare di quelle fantasie sessuali. Stasera a Le Iene, dalle 21.20, su Italia1. 

Dopo il servizio sul reparto macelleria, Giulio Golia racconta che il cibo scaduto viene riconfezionato con una nuova data di scadenza in tutti i reparti di molti supermercati: frutta e verdura, pescheria, pasticceria, gastronomia... I prodotti vengono riusati in ogni modo, alla faccia della salute di chi compra

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.