>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News | di TRINCIA |

Picchiata dalle bulle: muore ragazza italiana in Inghilterra

La notizia arriva da Nottingham: ecco i primi particolari. Domenica in onda vi racconteremo tutta la storia

 

 

 

Una ragazza italiana, Mariam, è morta mercoledì pomeriggio, dopo tre settimane di coma a Nottingham, in Inghilterra, dopo l'aggressione di una baby gang al femminile. A raccontarcelo, nel video che vedete qui sopra, è la Iena Pablo Trincia, che si trova sul posto e che ci racconterà tutta la vicenda domenica in onda.

La sua identità e la sua nazionalità sono state rese note soltanto ora. Era stata picchiata su un autobus da un gruppo di 8-10 ragazze che l’avevano presa di mira da qualche tempo (un’aggressione simile era già avvenuta in agosto mentre si trovava assieme alla sorella in un parco).

Mariam Moustafa, 18 anni, di origini egiziana, nata in Italia e cresciuta a Ostia, si era trasferita Oltremanica con la famiglia da 4 anni. Il padre voleva farla studiare assieme alla sorella di 15 anni e un fratello di 12 nelle scuole inglesi ma a Mariam mancava tantissimo l’Italia. Soffriva tra l’altro di una malformazione cardiaca per cui si curava dalla nascita.

Tre settimane fa, il 20 febbraio, si trovava su un autobus assieme a un suo amico, che ha tentato di proteggerla dal gruppo delle ragazze che l’hanno aggredita a calci e pugni, come si vede anche in un video che sta girando su internet. Proprio quel giorno aveva saputo di essere stata ammessa alla facoltà di Ingegneria. Una volta portata in ospedale, nonostante dicesse di stare molto male, l’hanno rimandata a casa. La mattina dopo era già in coma. Domenica in onda vi racconteremo tutta la storia.

Click here for the English version.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.