>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

“Non ci consegnano la posta perché abitiamo in campagna: aiutateci” | VIDEO

Da un anno abitano in provincia di Brindisi e non ricevono più la posta. Le autorità giocano a scaricabarile, così Caterina e Sergio lanciano un appello a Le Iene: “Tra le montagne della Valle d’Aosta ce la consegnavano, perché qui no?”

Il postino a casa di Caterina Toscano e di suo marito Sergio non suona proprio, nemmeno una volta. Mai. Perché a 20 chilometri da Brindisi, lettere e raccomandate sembrano proprio un miraggio. Così tramite Le Iene lanciano l’appello che potete vedere nel video qui sopra.

Dalla Valle d’Aosta si sono trasferiti in provincia di Brindisi, a sei chilometri da Mesagne e a otto da San Vito dei Normanni. Il nuovo capitolo della loro vita è iniziato il 2 dicembre del 2017, da quella data però non hanno più ricevuto la corrispondenza. “Abitiamo in contrada Paradiso a Brindisi”, ci spiegano Caterina e Sergio. “A un certo punto ci siamo accorti di non ricevere alcuna lettera nella nostra cassetta postale”. 

Allora si rivolgono al responsabile delle poste di Brindisi. “Ma ci ha detto che abitando a 20 chilometri dal capoluogo, non era possibile recapitarci la posta”, raccontano Caterina e Sergio. Così si rivolgono all’ufficio postale del paese più vicino a loro, Mesagne. Ma anche qui le sorprese per loro non mancano. “Il responsabile ci ha detto che abitando in una zona rurale non avevamo la possibilità di questo servizio”.

I due non si perdono d’animo e continuano a scrivere ai referenti di Poste Italiane. “Abbiamo contattato anche il responsabile della Puglia, ma nessuno si è degnato di darci una risposta”. Così hanno deciso di rivolgersi a Le Iene per lanciare il loro appello: “Siamo veramente delusi e l’ultima azione che ci toccherà fare è denunciare l’azienda per omissione di pubblico servizio. Abitavamo tra le montagne della Valle d’Aosta e abbiamo sempre ricevuto la posta. Perché qui in campagna non è più un nostro diritto?”. 

esclusiva web

Per la Corte dei Conti il partito di estrema destra, che da quasi 16 anni occupa nella Capitale senza pagare affitto come sede il palazzo nel quale eravamo entrati con Filippo Roma, ha provocato un danno alle casse dello Stato per 4,6 milioni di euro. Abbiamo sentito per telefono Davide Di Stefano, responsabile romano di CasaPound, che si dice disposto a pagare un “canone sociale di 600-700 euro al mese”. A molte condizioni

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.