>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

“I nostri figli a scuola con i topi morti”: la denuncia di una mamma di Napoli | VIDEO

Sotto le finestre di un asilo di Napoli, oltre ai cassonetti, ci sono rifiuti abbandonati e animali morti. Il video appello di una mamma esasperata

“Care Iene, sono una mamma di Napoli. Mio figlio va all’asilo nella scuola Matteo Renato Imbriani, nel centro della città. È un’indecenza: proprio sotto le finestre delle classi ci sono cassoni dell'immondizia, rifiuti abbandonati e perfino animali morti. Il comune di Napoli, nonostante le proteste, non ci aiuta. È normale che un bambino durante le ore scolastiche debba respirare quest'aria di spazzatura, mosche, escrementi, uccelli e topi morti?”.

Così ci ha scritto Emanuela, mamma di un piccolo di tre anni che frequenta la scuola primaria statale Matteo Renato Imbriani a Napoli. A corredo della sua denuncia un video, che mostra le condizioni del marciapiede sotto le finestre della scuola, dove al piano terra passano le giornate i bambini dell’asilo. Spazzatura, vetri rotti e addirittura un topo morto, a detta della mamma lì da giorni, sulla strada proprio sotto le classi.

“C’è un’aria irrespirabile”, denuncia Emanuela. “Ci sono topi morti: uno è qui da due giorni. Noi portiamo i bambini qui per imparare, non per respirare l’immondizia. È uno schifo”. Anche Emanuela, che ora ha 25 anni, andava in quella scuola, come ci racconta, ma “la situazione anni fa non era così. Ogni anno le mamme si lamentano, chiedendo al comune di rimuovere i bidoni, ma nessuno fa nulla. È una cosa inaccettabile”. Speriamo che l’appello di questa mamma venga ascoltato e, soprattutto, che qualcuno intervenga affinché i bambini non siano più costretti a crescere respirando l'immondizia. Per partire basterebbe anche solo pulire la strada (e rimuovere gli animali morti). 

Dopo il servizio sul reparto macelleria, Giulio Golia racconta che il cibo scaduto viene riconfezionato con una nuova data di scadenza in tutti i reparti di molti supermercati: frutta e verdura, pescheria, pasticceria, gastronomia... I prodotti vengono riusati in ogni modo, alla faccia della salute di chi compra

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.