>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Il sindaco nella gabbia del circo, ira degli animalisti | VIDEO

Il gesto di Angelo Cappuccio, primo cittadino di Santhià, è stato ritenuto “vergognoso e senza precedenti”. Lui, intervistato, si difende

Lo hanno presentato come un sindaco in grado di “scavalcare le offese animaliste” e soprattutto “che è riuscito a superare le loro burocrazie”. Per questo Angelo Cappuccio si è meritato un posto d’onore nella gabbia del circo Martin. Un’improvvisata che ha colto di sorpresa lo stesso primo cittadino di Santhia, in provincia di Vercelli, ma che non lo ha esonerato da pesanti critiche.

E’ successo durante lo spettacolo circense nella sua città. “Sono stato chiamato a mia insaputa e mi pareva scortese dover dire di no”, si è giustificato con Le Iene al telefono. Così il sindaco ha fatto il saluto al fianco di una leonessa tenuta sotto controllo da un addestratore con tanto di frustino.

Il Movimento 100%Animalisti ha definito questo gesto “un’azione vergognosa, senza precedenti”. E subito i suoi attivisti si scagliano contro il permesso rilasciato dallo stesso sindaco. “E’ un tecnico che giudica se gli animali sono tenuti bene o meno” specifica Cappuccio che si è affidato alla relazione di un veterinario prima di dare il via libera al circo.

“Non è giusto che un sindaco debba avventurarsi in dinieghi che poi possono portarlo alla condanna al Tar”, si difende. “Quando ci sarà una norma nazionale che vieta i circhi, noi ci adegueremo come abbiamo sempre fatto con tutte le altre”.

Intanto gli animalisti del Movimento continuano a scagliarsi contro di lui. “Chi ama gli animali non va al circo, e tanto meno ci porta i bambini”, spiegano. “Il circo è uno spettacolo violento, diseducativo, che crea traumi ai piccoli, ma il sindaco di Santhià o non lo sa, o fa finta di non saperlo”. In Italia alcuni comuni hanno vietato la presenza di circhi sui loro territori. Anche il Parlamento italiano si sta muovendo in questa direzione, nelle ultime settimane ha approvato un decreto legislativo sul codice dello spettacolo che prevede un “graduale superamento” degli animali negli spettacoli circensi.

Di tutta risposta Cappuccio approva e condivide l’obiettivo degli animalisti. “Loro fanno bene a fare questa battaglia che tiene alta l’attenzione, perché gli animali devono essere tenuti meglio”.

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.