>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Stefano Cucchi, i 9 anni dalla morte e quel “Quante gliene abbiamo date” | VIDEO

Il nostro Pablo Trincia ha intervistato la ex moglie del carabiniere Raffaele D’Alessandro, accusato del pestaggio di Cucchi. Indagato per falso un altro carabiniere

Quante gliene abbiamo dato a quel drogato di merda”, con insulti anche per Ilaria Cucchi (costretta ancora una volta queste weekend a denunciare le minacce ricevute su Internet). “’Sta pu…” era l’epiteto che le riservava sempre.

A nove anni esatti dalla sua morte si continua a parlare di Stefano Cucchi, senza ancora una verità processuale definitiva. Oggi in questo triste anniversario lo fa la ex moglie del carabiniere Raffaele D’Alessandro, raccontando cosa diceva l’ex marito del caso (i passaggi più forti potete vederli qui sopra).

Da quel 22 ottobre del 2009 ci sono troppi interrogativi che ancora faticano ad avere una risposta certa. Al nostro Pablo Trincia la donna ha raccontato spaccati della vita quotidiana. “Io non ho mai lavorato, perché lui non lo voleva”. Dalle sue parole emerge una gelosia ossessiva da parte del carabiniere che nove anni fa ha fermato Cucchi. “Lui stesso mi ha raccontato di quel pestaggio, avevo paura a vivere con i miei figli con quell’uomo”.

In base al suo racconto, lei stessa ha dovuto subìre minacce: “Una volta mi ha preso per la maglietta spingendomi verso la finestra: voleva buttarmi di sotto”. Le urla in quella casa sopra la caserma sembrano davvero all’ordine del giorno. “Spesso i suoi colleghi ci chiamavano per sapere se era tutto sotto controllo, perché le urla erano veramente impressionanti”.

Proprio oggi si apprende intanto che c'è un nuovo carabiniere indagato per falso nell'inchiesta sulla morte di Stefano Cucchi. Si tratta del maggiore Luciano Soligo, allora comandante della compagnia Talenti Montesacro.

La settimana scorsa abbiamo trasmesso l’intervista di Gaetano Pecoraro alla sorella Ilaria, che ha combattuto sempre alla ricerca della verità, e alla madre, Rita Calore, che per anni era rimasta in silenzio. Quell’intervista arrivava dopo una fondamentale svolta processuale: uno dei militari accusati, il carabiniere Francesco Tedesco ha ammesso in aula il pestaggio, la causa più che probabile della morte di Stefano Cucchi avvenuta nove anni fa.

Guarda qui sotto l’intervista integrale di Pablo Trincia alla moglie del carabiniere Raffaele D’Alessandro.

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.