>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News | di Beatrice Pratellesi |

“Ho un kalashnikov tatuato in faccia e ora non trovo lavoro” | VIDEO

Daniele Di Bella, 27 anni, ci ha contattato perché non riesce a trovare un lavoro, per colpa di quel mitra tatuato in fronte. Si racconta a Le Iene: “Ormai la cazzata l’ho fatta, ma sono solo tatuaggi e io ho bisogno di uno stipendio”

“Ho solo dei tatuaggi in faccia ma sono un bravo ragazzo”. Daniele Di Bella ha 27 anni, è di Milano e ha una evidente passione per i tatuaggi. “Sono disoccupato da tre anni e per via dei tatuaggi non riesco a trovare lavoro”, ci ha scritto. Certo, con un mitra tatuato in fronte, "un AK-47", precisa, ovvero un kalashnikov, non trasmette proprio fiducia. “Sì magari ho voluto dare un po’ l’immagine del cattivo ragazzo, ma non lo sono e chi mi conosce lo sa. Posso sembrare addirittura un ex galeotto ma sono incensurato”.

E quindi quel mitra in fronte? “Ero a un corso di tatuaggi, l’ho visto e me lo sono fatto. Mi sono tatuato tutto il volto solo perché mi piace esteticamente e lo trovo particolare”. Talmente particolare che ora però non trova un lavoro. “Quando ho fatto i tatuaggi non ci ho pensato, lavoravo nel laboratorio di una pasticceria e non avevo troppi problemi. Per quanto riguarda la possibilità di trovare lavoro ho fatto una cazzata”, ammette. Ma, a detta sua, non per quanto riguarda le ragazze: “Da quando ho tutti questi tatuaggi ho molte più ragazze. Non che prima non ne avessi eh”, ci tiene a precisare.

A guardare il suo profilo Instagram Daniele non sembra un ragazzo che ha bisogno di aiuto. “Sì vabbè c’è un po’ di gente che mi segue perché ho fatto dei video con alcuni rapper, ma con quelli non ti mantieni”. Meglio qualche follower in meno e uno stipendio in più? “Certo, i follower non ti danno da mangiare”. Ora Daniele si mantiene facendo qualche lavoretto, ma non basta. “Mi scoccia perché peso sulle spalle di mia nonna, con la quale vivo da quando sono piccolo”. Prima, quando lavorava, era diverso. “Ogni mese le davo qualcosa per far fronte alle spese e ora non è che mi faccia piacere pesare sulle sue spalle”. Come è riuscito a permettersi tutti quei tatuaggi? “Molti li ho fatti grazie a un mio amico che tiene un corso di tatuaggi, mentre i più costosi, quelli in volto, li ho fatti quando ancora lavoravo e avevo uno stipendio fisso”.

“Da quando ho i tatuaggi non mi chiamano più per fare i colloqui”. Daniele infatti, per evitare l’effetto sorpresa, ha messo la sua foto sul curriculum. “Secondo me non è che se ho i tatuaggi non posso lavorare a contatto con le persone. Anzi, in un negozio di abbigliamento un po’ particolare, potrei anche fare figura come commesso”. Daniele è aperto un po’ a tutto: “barista, commesso, ma anche magazziniere alla fine va bene. Però mi piace stare a contatto con le persone”. Insomma, che ci sia uno stipendio a fine mese. Cosa sa fare? "Ho fatto il barista per un po' e mi piacciono i lavori manuali". 

Certo, con qualche tatuaggio in meno sarebbe stato forse più semplice, ma, dice Daniele, “la persona va conosciuta. Io posso sembrare cattivo ma non lo sono. Spero che ci sia qualcuno che vada al di là dei tatuaggi e possa darmi una mano a trovare un lavoro perché non voglio più essere un peso per mia nonna e anzi vorrei essere io a dare una mano a lei”. 

Insomma, che ha i tatuaggi ormai lo sapete, quindi se c’è qualcuno che vuole dargli una mano a trovare un lavoro o fare un colloquio può contattarlo alla mail dibelladaniele323@gmail.com

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.