>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

La Terra è piatta? Scontro finale con l'astronauta Umberto Guidoni | VIDEO

Secondo appuntamento, quello “decisivo”, sul ring de Le Iene preparato da Gaston Zama, con i terrapiattisti e con un'imperdibile sorpresa finale

Nuovo appuntamento con i terrapiattisti, con il secondo servizio sul tema di Gaston Zama. Sì, quelli che non solo sono convinti che la Terra è piatta ma anche che i dinosauri non sono mai esistiti (le ossa ritrovate? Erano dei Giganti, quelli che hanno costruito la Basilica di San Pietro e il Duomo di Milano con porte gigantesche, per poterci entrare), che la forza della gravità non esiste e che tutti siamo manipolati da un gigantesco Matrix elaborato dai Poteri Forti.

Siamo allo scontro finale sul ring: i terrapiattisti Roberto e Albino contro Umberto Guidoni, l’astronauta italiano, un attore come tutti gli altri astronauti secondo i complottisti, che vedono anche noi de Le Iene, dopo il primo servizio (clicca qui per guardare il primo servizio) complici del Grande Inganno.

Tutta la storia per i terrapiattisti è un falso, una fake news, ed è costruita ad hoc. Internet per esempio esisteva già negli anni ’40, ma gli Illuminati non l’hanno detto a nessuno.

La sfida è epica, visto che per Roberto e Albino nessun uomo è mai andato allo spazio, quindi nemmeno Umberto Guidoni (d’altronde, a quelle velocità gli uomini si trasformerebbero, non si sa perché, in scimmie). Colpo su colpo, teorie e “contro teorie”.

Attenzione: il finale lo è ancora di più con la comparsa di un personaggio e una teoria ancora più misteriose. In un finale davvero imperdibile!

Guarda qui sotto il primo servizio sui Terrapiattisti, da qui è partito tutto!

 

dopo il nostro servizio

Rita Bernardini denunciata per le piante di cannabis coltivate sul terrazzo di casa sua. La radicale, che si era già autodenunciata e da anni combatte per la legalizzazione della cannabis, sperava in un arresto per portare la questione al centro del dibattito pubblico: “Così si usano due pesi e due misure e la legge finisce per non essere uguale per tutti”

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.