>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News | di NINA |

Uccide l'ex moglie e si suicida. Era stato già condannato per stalking

Nell'ultima puntata la nostra Iena Nina Palmieri ha raccontato una storia simile: ancora una volta nessuno riesce a fermare un persecutore

Ha accoltellato l'ex moglie per 10 volte fino a ucciderla, poi si è suicidato. L'uomo, Massimiliano Bagnoni, non voleva accettare la separazione ed era già stato condannato per stalking.

L'omicidio-suicidio è avvenuto a Livorno, nella centrale piazza Attias. Francesca Citi, 45 anni, due figli, si trovava sola nello studio dentistico dove lavorava come assistente. A ritrovare i corpi è stato l'attuale compagno della donna, accorso perché non rispondeva al telefono.

A nulla sono servite le molte denunce della donna, perseguitata dall'uomo, che fino a novembre si trovava agli arresti domiciliari per stalking e a cui i giudici avevano vietato di avvicinarsi alla donna.

Nella puntata di domenica scorsa la nostra Iena Nina Palmieri, ha raccontato, nel servizio “Cronaca di un femminicidio annunciato” un altro femminicidio, troppo simile.

Anche Anna Rosa Fontana aveva fatto molte denunce, era stata addirittura già accoltellata dall'ex che viveva libero a 200 metri da casa sua. La storia è finita con il suo omicidio, davanti agli occhi del figlio. Come in tanti, troppi altri casi in un cui uno stalker diventa assassino e la legge non riesce a fermarlo.

esclusiva web

Per la Corte dei Conti il partito di estrema destra, che da quasi 16 anni occupa nella Capitale senza pagare affitto come sede il palazzo nel quale eravamo entrati con Filippo Roma, ha provocato un danno alle casse dello Stato per 4,6 milioni di euro. Abbiamo sentito per telefono Davide Di Stefano, responsabile romano di CasaPound, che si dice disposto a pagare un “canone sociale di 600-700 euro al mese”. A molte condizioni

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.