>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News | di VIVIANI |

Violenza sulle donne, Martina: “Leggere certi commenti fa star male, soprattutto quelli delle donne"

Martina, picchiata dall'ormai suo ex fidanzato, risponde alle critiche arrivate su Facebook dopo la messa in onda del servizio di Matteo Viviani

Rivedersi in tv è stato molto forte. Un misto di felicità e tristezza. Ora mi rendo conto di quanto ho sofferto”. Martina al telefono ha la stessa voce vivace e sicura che avete sentito nel servizio di Matteo Viviani andato in onda mercoledì. Una ragazza di 21 anni che ha già dimostrato la sua forza e il suo coraggio, parlando delle violenze subite per mano del suo ragazzo, con cui sta da 6 anni. “Mi sembrava che quella in televisione fosse un'altra persona. Una ragazza che ha sofferto, ma che ora ce l'ha fatta”.

Ora Martina sembra serena, sicura di sé. Ma leggere i commenti su Facebook dopo la messa in onda del servizio, ci racconta, “non è stato per niente facile, ci sono rimasta un po' male”. Così, fra i tanti che criticano lei e il suo fidanzato, le abbiamo chiesto di sceglierne tre, a cui rispondere.

“Penso che non ci sia cosa più sbagliata da dire a una ragazza, o in generale a una donna nella mia situazione. Abbiamo una paura così forte nei confronti della vita e dell'amore che spesso pensiamo di non farcela. Un commento così può solo abbattere e fermare le donne che stanno chiedendo aiuto”.

“Non c'è niente che una donna possa fare a un uomo che giustifichi il fatto di ricevere violenze psicologiche o fisiche. Lui ha ragione che entrambi abbiamo problemi e dobbiamo farci aiutare. Ho poca autostima, lui avrà altri problemi, ma non sono sullo stesso ordine di grandezza”.

“Mi dispiace quando si dice che certe persone non cambiano mai. Io penso che questo problema, la violenza, se preso in tempo, possa essere curato”. Quando le chiediamo lui cambierà, risponde: “Penso che lui capirà la gravità di quello che ha fatto, anche se ci vorrà un po' di tempo per cambiare”. “Mi è dispiaciuto particolarmente quando a criticarmi sono state le ragazze. Ho capito quanto sia importante avere l'appoggio delle persone del tuo stesso sesso, per sentirti compresa. Io vorrei aiutare le donne che si sono trovate nella mia stessa situazione”.

In tanti vi siete chiesti se Martina sarebbe mai stata in grado di allontanarsi dal suo fidanzato. “Il mio ex ragazzo non lo vedo dal giorno in cui abbiamo fatto le riprese dallo psicologo, circa un mese fa”, ci risponde. Così le chiediamo quando hanno deciso di lasciarsi: “Mentalmente mi sono lasciata con lui la prima volta che mi ha messo le mani addosso, anni fa. Ma ho avuto il coraggio di farlo davvero quando, insieme a voi, l'ho accompagnato dallo psicologo. Ho sentito che potevo continuare senza di lui. Ci siamo salutati con un bacio”.

Matteo Viviani, come avete visto nel servizio di maercoledì, ha accompagnato Martina e il fidanzato da uno psicologo per intraprendere, separatamente, un percorso nella speranza di aiutarli. Infatti, come ribadisce più volte Martina al telefono, “entrambi abbiamo bisogno di aiuto”. Martina sta continuando il suo percorso psicologico, e sembra davvero convinta di aver fatto la cosa giusta. Tutto era partito dalla segnalazione che ci era arrivata dalla madre di Martina, per fermare le violenze del fidanzato sulla figlia.

“Vi devo ringraziare. Da subito, quando ho capito che mia mamma aveva chiamato Matteo Viviani per aiutarmi ho sentito dentro di me la spinta per andare aventi. Una sensazione di forza, di possibilità. Ora vivo a 360 gradi”.

Guardate , qui sotto, il servizio "E se il fidanzato di tua figlia la maltrattasse?" di mercoledì 28 marzo e, più in basso, i nostri servizi e articoli sulla lotta alla violenza sulle donne.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.