>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News | di TRINCIA |

Vittima di prete pedofilo al corteo: "Papa Francesco cacci il cardinale Sepe!"

A Napoli il sit-in contro i preti pedofili. A parlare è Diego, vittima di abusi, di cui ci aveva raccontato Pablo Trincia

 

 

Papa Francesco deve cacciare il cardinale Sepe. Perché se si dimette lui è troppo semplice. La Chiesa deve fare una cosa forte, e una volta per tutte deve risolvere la piaga della pedofilia. Altrimenti la giustificano". A parlare è Diego, abusato da don Silverio Mura quando era un ragazzo e protagonista del servizio della nostra Iena Pablo Trincia. Il video è stato girato al raduno di #Churchtoo, un sit-in delle vittime dei preti pedofili tenuto di fronte al Duomo di Napoli. Sono scesi in piazza in centinaia fra vittime e genitori che hanno oramai paura a mandare i propri figli in chiesa, chiedendo le dimissioni del cardinale Crescenzio Sepe e della Diocesi napoletana.

 

L’ultimo scandalo di pedofilia a Napoli è nato proprio dal nostro servizio, in cui Pablo Trincia raccontava proprio la storia di Diego, abusato a 13 anni a Ponticelli, un quartiere di Napoli, dal suo insegnante di religione della scuola media. Iniziò tutto quando un giorno, all’uscita da scuola, don Silverio invitò Diego a casa sua. Diego racconta di aver subìto violenze sessuali per oltre 3 anni, violenze che gli hanno cambiato la vita e che lo fanno soffrire di continui attacchi di panico.

La chiesa era stata avvisata già 8 anni fa, quando Diego aveva deciso di denunciare tutto tornando dal prete e filmandolo di nascosto. Nonostante le innumerevoli richieste di aiuto rivolte al vescovo Lemme e al cardinale Sepe, nessun esponente della chiesa ha mai voluto incontrare Diego. Dopo 4 anni dalla prima denuncia il caso fu affidato a don Luigi Ortaglio, un importante esponente della curia napoletana. Tuttavia, don Silverio ha continuato ad insegnare religione ai ragazzi nonostante fosse sospettato di pedofilia.

 

L’indagine è rimasta archiviata fino a qualche settimana fa, quando Papa Francesco in persona ha riaperto il caso chiedendo ulteriori accertamenti su don Silverio Mura.

A seguito di ulteriori indagini avevamo scoperto che don Silverio insegnava catechismo sotto il falso nome di Saverio Aversano in una chiesa di Montù Beccaria, in provincia di Pavia. Sembrerebbe che il giorno dopo la messa in onda del nostro servizio don Silverio sia scappato dal paesino.

Guarda qui sotto il servizio di Pablo Trincia su don Silverio

 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.